LECCE – Semeraro ai saluti: “Vissuti 18 anni indimenticabili. La Serie A per il Lecce è un lusso. I Tesoro? Persone perbene e combattive”

Rivivere 18 anni così, tutto d'un fiato, non dev'essere facile. Tra momenti di commozione e ricordi, l'ormai ex patron giallorosso Giovanni Semeraro, in una conferenza d'addio, ha salutato tutti: “Calcisticamente parlando questa è l’ultima volta che ci incontriamo -riporta uslecce.it-. Sono passati 18 anni e sono qui con grande emozione e un groppo in gola, quasi come quando iniziai. Sono stati 18 anni indimenticabili. Per lunghezza la nostra esperienza nella società si può accostare a quella dei grandi sodalizi; abbiamo disputato dieci anni in serie A, abbiamo ottenuto cinque promozioni dalla B e una in C. Come ha avuto modo di dire anche il sindaco la Serie A per Lecce è un lusso, tenuto conto del tessuto economico locale e per il numero di persona interessate a seguire la squadra".

Poi il patron specifica le modalità tempistiche della cessione: "Ho letto sui giornali che mi sarei affrettato a liberarmi dal fardello Lecce per le questioni che tutti voi conoscete. Non è assolutamente così, ho deciso di vendere la società lo scorso maggio. Ho accelerato i tempi della cessione solo per dare la possibilità agli acquirenti di poter programmare per tempo la nuova stagione. Questa esigenza mi ha costretto ad accettare delle condizioni che altrimenti difficilmente avrei accettato. Nel contratto abbiamo inserito delle condizioni legate alla Lega Pro, non perché riteniamo possibile questa eventualità, ma solo perché lo ha chiesto l’acquirente".

Con Savino Tesoro il Lecce sembra in mani solide: "Per quella che è la mia esperienza ho trovato una persona perbene, certamente incisiva e combattiva come del resto è normale in una trattativa perché difende i suoi interessi. Il Sig. Tesoro è stata l’unica persona che ha mostrato interesse nel Lecce, nessun altro si è fatto vivo a livello locale e nazionale. Questa situazione l’abbiamo vissuta nel corso della nostra esperienza, durante la quale nessun imprenditore si è fatto avanti per darci una mano. Lascio una società sana economicamente e moralmente, il mio ringraziamento va a tutti calciatori, allenatori, dirigenti fino ai magazzinieri."

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati