Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Seduta a porte chiuse… ma non per il piccolo Francesco di Calimera

Basta poco per rendere felice un bambino, soprattutto se ha passato dei momenti che devono essere rimossi, al più presto possibile, dalla sua mente.

Francesco, ragazzino di Calimera risvegliatosi nei giorni scorsi dal coma dopo un gravissimo incidente stradale (e dopo aver ascoltato un brano del suo cantante preferito, Marco Mengoni), è stato ospite, ieri pomeriggio, del Lecce di mister Piero Braglia che si stava allenando sul campo di Martignano. L’incontro è stato organizzato dagli “Amici della Bimbulanza” con il presidente Franco Russo e i volontari della Clown Therapy di don Gianni Mattia.

L’allenamento era a porte chiuse, per tutti ma non per Francesco che ha passato qualche ora ad applaudire i suoi beniamini e a farsi coccolare da loro, Benassi e Abruzzese in primis. Al piccolo è stata regalata una maglia di Moscardelli con tutte le firme dei calciatori giallorossi. Una giornata, senza dubbio, per lui, da ricordare.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment