Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Quale sostituto per Franco Lerda? L’identikit tracciato da Trinchera, Miggiano e Sensibile

Tre volti noti, legati al mondo calcistico del Lecce, Trinchera, Miggiano e Sensibile, si sono espressi circa le caratteristiche che dovrebbe avere il sostituto di Franco Lerda: ne è venuta fuori la convinzione comune di dover scegliere un tecnico esperto e dal grande carisma.

STEFANO TRINCHERA – “Quella leccese non è una piazza facile, tanto più in questo momento, dopo due finali dei playoff perse e con la squadra reduce da tre sconfitte consecutive e staccata di nove lunghezze dalla vetta della classifica e addirittura fuori dalla zona che garantisce l’ammissione agli spareggi. Pertanto, per avere qualche chance concreta di risalire la china e di centrare quel traguardo del salto in Serie B al quale tutto l’ambiente aspira, servirebbe un tecnico di carisma, navigato e dalla grande personalità, un trainer che sia un trascinatore e che con la sua presenza sappia ridare entusiasmo a ciascun calciatore, ma anche all’interno dell’ambiente, avvilito dalla piega che ha preso la stagione. Di nomi, però, no mi sembra il caso di farne, in quanto la società sta effettuando le sue valutazioni”.

ROBERTO MIGGIANO – “Al momento mi risulta che Lerda sia ancora il tecnico del Lecce. Sono convinto che il trainer piemontese avrebbe l’esperienza e la caratura per venire fuori dal pessimo periodo attuale e centrare il traguardo fissato. Qualora, come sembra oramai deciso, i dirigenti dovessero invece optare per un avvicendamento in panchina, la strada sarebbe obbligata ed occorrerebbe scegliere un allenatore esperto, che abbia già fatto bene nel recente passato in Lega Pro o magari anche in Serie B ed in Serie A. nei momenti critici, la personalità del trainer è un elemento chiave per riuscire ad operare il rilancio auspicato”.

ALDO SENSIBILE – “Il presidente Savino Tesoro ed il direttore sportivo Antonio Tesoro si sono affacciati in tempi relativamente recenti nel mondo del calcio che conta e Lecce è una piazza blasonata che deve tornare quanto prima ai livelli che le competono. Per sostituire Lerda serve un trainer scafato, che sappia rigenerare mentalmente un gruppo di calciatori di qualità, ma che si è andato spegnendo sino a fare delle figuracce tremende contro un team abbordabile come il Martina e contro una squadra modestissima come l’Ischia. Un allenatore che sappia anche come supportare la proprietà nelle sue scelte”.