Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Post match, Tesoro: “Ora blindiamo i play-off, ma il Sudtirol…”, Toma: “Non ho visto un Trapani superiore”

LECCE – Serata fredda a Lecce, sia meteorologicamente parlando che a livello emozionale. Ai microfoni dei giornalisti, il presidente Savino Tesoro commenta amaro la sconfitta contro il Trapani. In conferenza stampa, Antonio Toma, Max Benassi e Guillermo Giacomazzi hanno risposto alle domande dei giornalisti.

TESORO – Il presidente, molto deluso, ha glissato: “Ora mi spaventa tutto. Non pensiamo più al primo posto, ma pensiamo a blindare i play-off. Anche perché potremmo anche ritrovarci terzi. Il Südtirol deve recuperare ancora due partite e potrebbe scavalcarci”.

TOMA – “Il lavoro del tecnico parte dalla fase difensiva. Poi dobbiamo avere le qualità per segnare. Eravamo corti e alti, aggredivamo bene il Trapani. Ma abbiamo mancato il gol del 2-0 in alcune occasioni, con Falco e Bogliacino. Nella ripresa, Jeda e Bogliacino, due volte, potevamo fare gol. Noi abbiamo sbagliato tanto e loro hanno segnato il gol del 2-1. Un eurogol. Era l’unica maniera in cui poteva segnare. Dobbiamo lavorare. Oggi abbiamo corso più delle altre partite perché abbiamo sbagliato nella fase di palleggio. Abbiamo preso un gol evitabile e poi non ci siamo ripresi. Il Trapani non ci ha mai messo sotto. Sono stati bravi a sfruttare le occasioni. Spero che ora la fortuna giri dalla parte nostra. Hanno fatto sette-otto falli tattici. L’arbitro è stato bravo, ma ci ha un po’ penalizzato. Non ci ha fischiato a favore il fallo sistematico, che interrompeva le nostre discese. Sono convinto però che attraverso il gioco possiamo vincere. Il Trapani deve essere fortunato per vincere. Noi andiamo in campo per vincerle tutte. Ci è andata male. Gli esterni forse non sono stati brillantissimi. Avrei fatto le stesse scelte. La partita è cambiata a causa di un nostro rinvio errato. Dovevamo continuare a produrre gioco e non rinunciare a giocare, tenendo il Trapani dietro. Nella prima mezz’ora non credevo a una sconfitta. Manca il finalizzatore? Basta che un attaccante segni un gol. Jeda non mi è dispiaciuto, ha fatto bene. Manca solo la fortuna. Anche Bogliacino è stato sfortunato. Non dobbiamo metterci tanti cerotti sopra. Non ho visto un grande Trapani”.

BENASSI – “Ci siamo disuniti. Abbiamo cercato di giocare a calcio, mentre il Trapani giocava a calci. È andata così, ma mancano ancora dieci gare. Dovevamo essere per 3-0 nei primi venti minuti, ma poi abbiamo subito il pareggio. Abbiamo creato occasioni per chiudere. Poi il Trapani fa due tiri e segna. Il primo gol del Trapani? Ho preso per terra rinviando. Chiedo scusa a tutti. Ci sentiamo sofferenti. Lo scorso anno vincevo premi in A… Siamo davvero dispiaciuti”.

GIACOMAZZI – “Loro sono stati più cinici e fortunati sotto porta. Siamo partiti alla grande, schiacciando il Trapani. Abbiamo commesso un errore sul primo gol, ma abbiamo reagito anche se con meno qualità, ma con voglia. Nella ripresa le cose non sono andate nel migliore dei modi. Dobbiamo pedalare, giocare al meglio le ultime gare, lavorare e pensare a fare meglio. Siamo stati sfortunati, ma dovevamo fare di più. Siamo stati rinunciatari nel finale. Non possiamo buttare sempre la palla lunga. Dovevamo fare come nella gara contro l’Entella: non dovevamo buttare la palla, ma giocarla. Ora tocca solo a noi. Dobbiamo essere più cinici e coincisi. Siamo consapevoli di aver perso una gara importante. Dobbiamo trarre insegnamento da questa sconfitta. Siamo arrabbiati e delusi. Dovevamo fare di più”.