Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Paleari: “Benassi personalità  e sicurezza. Il Lecce ha tutto per salvarsi”

Franco Paleari, ex preparatore dei portieri del Lecce, dalle colonne del Nuovo Quotidiano di Puglia, tesse le lodi di Massimiliano Benassi, domenica a Genova protagonista di grandi interventi che hanno fatto sì che i giallorossi uscissero immacolati dal Ferraris: “Il Lecce ha fatto una gara dignitosa. Ho portato bene ancora una volta alla squadra, dopo la vittoria sul mio Bologna. Mi sa che devo venire più spesso al ‘Via del Mare’. Il punto di domenica è merito della squadra, anche se Benassi è stato tra i protagonisti principali”. Storia curiosa quella dell’estremo difensore laziale: “Tre anni fa un procuratore di Arezzo mi parlò di lui, ma ai tempi eravamo a posto dal punto di vista dei portieri. Poi, a Bologna sentì parlare ancora di lui, nonostante non lo conoscessi. Con lui, Julio Sergio, Petrachi e Gabrieli il Lecce è in buone mani”.

La personalità di Benassi è ciò che ha colpito Paleari: “Mi ha colpito la sua personalità . Ha dato l’impressione di essere un veterano. Le sue parate hanno infuso sicurezza alla squadra. Ha fatto due parate difficili. La prima sul tiro ‘sporco’ di Merkel. Anche se controtempo è andato giù bene e ha bloccato, cosa non da poco. Di solito in molti respingono. La seconda parata è avvenuta nell’azione in cui Jorquera ha colpito il palo. Benassi è stato bravo a seguire la traiettoria del pallone e buttarsi su Palacio che stava andando a ribadire in porta”. Benassi può scavalcare Julio Sergio? “Bisogna chiederlo a Di Francesco. E’ lui che vede il lavoro quotidiano e decide di conseguenza. Certo che però ha un buon vice e un buon terzo portiere. Non ha problemi”.

La prestazione del Lecce nel complesso: “Buona. Mi è piaciuta e non lo dico per accattivarsi le simpatie dei salentini. Oggi a Bologna ne parlavo e dicevo che si vede bene la mano del tecnico. Ognuno sa cosa fare in campo”. I giocatori che più gli son piaciuti: “Detto di Benassi, mi è piaciuto Esposito, così come Cuadrado. Bene Odobo che fa un ottimo lavoro. Poi c’è l’intramontabile Giacomazzi e Strasser che gioca con personalità. Il Lecce ha le carte in regola per restare in Serie A”.