LECCE – Ora si lavora in silenzio. Si deve ripartire dalle certezze in attesa di Sudtirol -Trapani

lecce-via-del-mare-stadio

È cominciata, nella giornata di ieri, la settimana che porterà il Lecce ad affrontare il Pavia, sabato 23 alle ore 20.45 allo stadio Via del Mare, nell’anticipo della 28esima giornata del campionato di Lega Pro. Una settimana che si apre con il silenzio stampa imposto dalla società ai calciatori che pertanto non si presenteranno davanti ai giornalisti, ma penseranno solo a preparare la sfida contro gli uomini di Giorgio Roselli.

Le vittorie su Lumezzane e Latina sembrano essere state cancellate con un colpo di spugna dalla prova incolore di Portogruaro, dove un Lecce spento, senza idee (e forse anche fiaccato dal doppio impegno precedentemente affrontato), ha rischiato di uscire sconfitto dalla sfida contro gli uomini di mister Madonna, se non fosse stato per il rigore parato da Benassi. Quello che più ha preoccupato domenica passata è stata la scarsa verve dei salentini, impotenti e mai seriamente pericolosi se non per qualche sporadico tentativo individuale.

L’esplosione di Tesoro a fine gara, con la quale invitava mister Toma ad avere certezze (oltre a mettere fuori rosa l’espulso Tomi), deve far riflettere i giallorossi che sabato devono tornare prepotentemente al successo per consolidare il secondo posto (il Trapani se la vedrà col Como in casa) e sperare che domenica 7 aprile (giornata di riposo per il Lecce) la supersfida tra Südtirol (che insegue a meno tre punti) e Trapani finisca senza un vincitore.

Non si può più sbagliare. Si lavora in silenzio e si deve fare affidamento sulle proprie certezze per poter evitare stressanti preoccupazioni.

Articoli Correlati