LECCE – L’ottimismo di Delvecchio: “Lecce, ti voglio più cinico, ma siamo vivi”

Gennaro Delvecchio da due partite ha preso per mano il Lecce di Serse Cosmi e ora vuole trascinarlo prima possibile verso il treno salvezza. L’ex centrocampista del Catania, arrivato nel Salento con la sessione del calciomercato di riparazione, è diventato subito il punto di riferimento del centrocampo giallorosso e spera di poterlo essere da qui alla fine del campionato: “Se vogliamo salvarci dobbiamo essere piu’ cinici e determinati perché abbiamo tutte le carte in regola per farcela. Se con il Bologna avessimo vinto ora la nostra classifica parlerebbe un’altra lingua, ma concentriamoci sull’Atalanta -dichiara l’ultimo arrivato in casa Lecce- e pensiamo a non tornare a casa a mani vuote”.

RIPENSANDO AL BOLOGNA “Ci dispiace per la vittoria mancata perché eravamo partiti bene, ma nel primo tempo eravamo troppo carichi e non siamo riusciti a sfruttare con lucidità le situazioni che ci sono capitate per sbloccare il risultato. Nei primi minuti l’arbitro non ha fischiato un rigore su Di Michele per un fallo di Garics che non ci è stato assegnato. Loro hanno avuto solo due occasioni da rete su calcio piazzato e poi non abbiamo sofferto piu’ di tanto. Peccato per quell’occasione avuta da Muriel e per quella di Cuadrado non sfruttate a dovere. Cosa è mancato al Lecce per vincere la partita? Solo un gol e un po’ più di cinismo. Dal punto di vista personale nel primo tempo ero troppo carico e nervoso e non ho avuto l’approccio giusto alla partita rischiando anche il rosso, ma nella ripresa sono ripartito meglio e ora anche a Bergamo devo essere più bravo a gestire l’inizio della gara”.

OCCHIO ALL’ATALANTA“Domenica troveremo un’Atalanta più carica del solito e per noi sarà una partita difficilissima in una situazione ambientale incandescente. Loro hanno chiuso il girone d’andata a ventisei punti e ora vogliono continuare il loro percorso verso la salvezza. Firmerei adesso per non perdere questa partita su un campo così difficile, ma anche loro devono avere paura di noi perchè come ha detto il Mister possiamo giocarcela con tutti. L’importante sarà non tornare a casa a mani vuote e poi cercare di fare punti anche con il Siena nella prossima in casa, ma è chiaro che se riuscissimo a tornare da Bergamo con i tre punti tutto sarebbe più in discesa per noi. Dobbiamo essere meno belli e fare punti perché con i pezzi da novanta che abbiamo in squadra possiamo farcela. Basta una vittoria per rimetterci in corsa: siamo vivi e dobbiamo continuare su questa strada”.

I COMPLIMENTI DI CARROZZIERI“Mi ha fatto molto piacere quello che ha detto Moris su di me dopo la gara con il Bologna ed è vero che sotto l’impegno e il sacrificio a noi come squadra nessuno può rimproverarci nulla. Domenica la nostra vittoria più grande è stato il pubblico che ci ha sostenuto fino alla fine. Conosco Moris da anni ed è un ragazzo molto sensibile, quello che mi ha detto mi riempe di orgoglio e mi dà ancora più forza per andare avanti. Sono sempre più convinto della scelta fatta di venire qui a Lecce, anche perchè siamo in corsa per prendere il treno salvezza“.

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati