LECCE – Le parole dei nuovi acquisti

Arrivati a Lecce nell'ultimo giorno di mercato, Oddo, Pasquato e Giandonato sono stati presentati oggi pomeriggio durante una conferenza stampa tenutasi all' Hotel Tiziano di Lecce. I tre calciatori spiegano il perché della loro scelta e, nonostante le diverse esperienze, si dimostrano subito carichi e pieni d'entusiasmo.

"Il mio sguardo non è mai rivolto al passato – puntualizza subito Oddo – perché per me esistono solo il presente ed il futuro. Quel che si è fatto in carriera può essere importante a livello di esperienza, ma per un calciatore quel che conta è quel che si fa in campo, perché se giochi male vieni fischiato anche se sei campione del mondo ed hai vinto tutto ciò che potevi vincere. Ho deciso di accettare la proposta del Lecce con grande entusiasmo poiché l'ho ritenuta molto stimolante, ho bisogno di persone che dimostrino di credere in me. Raggiungere gli obiettivi fissati ad inizio stagione, sia che si tratti di Champions League o di una salvezza, regala ugualmente soddisfazione ad un calciatore. Sono molto carico, ho tanta voglia di rimettermi in discussione e credo che il segreto per far bene qui a Lecce sia quello di avere lo stesso entusiasmo di un giocatore ventenne. Inoltre – conclude-, cercherò di mettere la mia esperienza a disposizione della squadra, soprattutto dei compagni più giovani".

Poi la palla passa a Cristian Pasquato, promettente attaccante della Juventus. "Il Lecce mi ha offerto una grande chance – dichiara il giovane – e l'ho accettata con molto entusiasmo. Spero di crescere e poter fornire ai miei compagni il contributo che si attendono da me. Ritengo che Lecce, che mi hanno descritto come una bellissima città, sia la piazza ideale per la valorizzazione di un giovane calciatore. La società ha deciso di puntare sui ragazzi promettenti ma, al tempo stesso, la squadra dispone di giocatori di grande esperienza come Massimo Oddo che, nei momenti di difficoltà, risulteranno fondamentali. Il paragone con Del Piero, che ho conosciuto e reputo una persona fantastica, mi fa molto piacere ma rappresenta anche una grossa responsabilità: spero di non deludere le aspettative".

Conclude Manuel Giandonato, altro promettente giovane di scuola Juventus. "Sono stato accolto subito molto bene dai miei nuovi compagni – afferma Giandonato – che hanno già dimostrato grande fiducia nei miei confronti. Per me si tratta della prima esperienza da professionista ed esco per la prima volta dalla Juventus: ho deciso di venire qui a Lecce per mettermi a completa disposizione del mister e dei compagni e per sfruttare al meglio questa grande opportunità. Lo scorso anno ho collezionato qualche presenza con la Juventus e, senza presunzione, ritengo non sia una cosa da poco per un giovane come me; quest'anno, intendo dimostrare tutto il mio valore. Sono contento di essere qui ed il Lecce è stata l'unica squadra che ho desiderato nel corso del calciomercato: peraltro, mi avevano parlato molto bene di Lecce sia Vucinic che Marilungo. I calci di punizione? Se capiterà l'occasione di poterne calciare, non me la lascerò sfuggire; dopo tutto, questa opportunità mi è stata offerta anche a Manchester e credo di averla sfruttata a dovere. Tuttavia, occorre dire che anche i miei compagni Oddo e Pasquato sono molto abili nei calci da fermo".

Articoli Correlati