Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Giovanni Semeraro: “Ci giocheremo la salvezza, nessun acquirente all’orizzonte”

Tra chi va via al quarto d'ora della ripresa (la presidente Isabella Liguori) e chi arriva al quarto d'ora del primo tempo (il suo predecessore alla guida del Lecce, Giovanni Semeraro) non si può dire che in tribuna d'onore, allo stadio di Via del Mare, manchi il movimento. È amareggiato Semeraro, come tutti i tifosi del Lecce. Non si aspettava una sconfitta in questi termini. Ma, tutto sommato, resta ottimista sul prosieguo della stagione, la prima in autogestione: «Sono arrivato allo stadio che già perdevamo 2-0 – spiega alla Gazzetta dello Sport – e mi sono reso conto che questa squadra deve ancora lavorare molto. Ho notato un po' di disordine tattico, mi sarei aspettato di più da Ferrario, Esposito non lo vedo da centrale, ma sono opinioni personali. E ci mancavano anche Oddo e Carrozzieri».

Semeraro ha confessato di aver già chiamato Di Francesco per incoraggiarlo, ma che alla fine non c'è stato bisogno, dato lo spirito "combattivo" del tecnico del Lecce. «Mercato? Non dò giudizi sui nuovi, ma mi sembra che la squadra possa giocarsi la salvezza e a breve miglioreremo molto. Cipollini e Osti stanno lavorando bene, conoscono il mondo del calcio». Il banchiere intanto esclude possibili novità societarie: «Le solite chiacchere, niente di concreto. Il nostro territorio è difficile ed in questo momento il calcio non ha grande attrattiva».