LECCE – Di Francesco non ci sta: “Spreconi sotto porta, ingenui in difesa”

"Oggi siamo stati spreconi. E' questo l'aggettivo che più di ogni altro può rappresentare una gara in cui si è creato tantissimo, sopratutto nel secondo tempo, senza riuscire a concretizzare". Commenta così, con evidente amarezza, l'allenatore Di Francesco, il pareggio del suo Lecce con il Novara.

Un'ingenuità difensiva, come a Palermo, ha permesso agli avversari piemontesi di andare in goal. "Nel primo tempo, pur creando di meno, nelle ripartenze riuscivamo a mettere in difficoltà il Novara; passati in vantaggio, però, non siamo riusciti a tenere palla in avanti consentendo agli avversari di spingersi nella nostra metà campo e, in chiusura di tempo, siamo stati puniti dal solito errore individuale in difesa. A Palermo Tomovic, oggi Mesbah: in entrambe le circostanze abbiamo concesso un calcio di rigore ai nostri avversari quando sarebbe bastato accompagnare l'avversario, senza rischiare l'entrata, perchè avrebbe potuto solo andare al cross. Sono ingenuità che, ribadisco, continuiamo a pagare a caro prezzo".

Di Francesco prosegue poi, sul sito ufficiale giallorosso, con un concetto basilare: senza reti non si vince. "Al Novara, peraltro, abbiamo concesso poco o niente, pur avendo giocato a tre soli giorni dalla gara di Palermo e schierando tre ragazzini in mezzo al campo; nella ripresa ho inserito anche Muriel, giocatore di qualità che ha avuto un buon impatto sulla gara, pericoloso nell'uno contro uno, ma neppure lui è riuscito a far gol. Nel calcio conta buttarla dentro, ma a noi in questo periodo risulta difficilissimo concretizzare; al contrario, quello che concediamo agli altri viene sfruttato al meglio".

Unica soluzione: continuare a lavorare. "Se il pubblico non ha gradito il risultato è comprensibile, perché al Lecce servono i punti per potersi salvare: io sono il primo a prendersi ogni responsabilità ma, purtroppo, non posso entrare in campo per buttarla dentro. Di certo, io non mollo. Non lo facevo da calciatore e non intendo farlo da allenatore: anzi, sono convinto che il lavoro, prima o poi, debba pagare: in settimana prepareremo scrupolosamente la sfida di Cesena per cercare di ottenere il massimo da questa gara. Occorre far risultato, dobbiamo riuscirci e basta".

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati