Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Cessione societaria, è stallo: il 30 giugno si avvicina ed ancora nessuna offerta

Il termine che Savino Tesoro si è posto per la cessione dell’Us Lecce, ovvero il 30 giugno, si avvicina sempre di più, e nonostante le tante voci (la più altisonante delle ultime settimane è stata quella legata a Massimo Ferrero) la realtà non è cambiata: ancora zero offerte.

Da Ferrero a Lippolis, passando per Fattizzo e per numerosi esponenti dell’imprenditoria lombarda e soprattutto laziale, sono stati fatti tanti nomi, molti dei quali a pieno diritto dal momento che erano stati proprio i diretti interessati ad accostarsi pubblicamente al club di piazza Mazzini. Nessuno, tuttavia, ha avviato la procedura necessaria per porre basi concrete all’acquisizione del Lecce, come lo stesso Savino Tesoro ha ribadito più volte e come lo stesso mister Bollini ha sottolineato nella sua ultima conferenza stampa, conferendo ulteriore incertezza al proseguimento del suo rapporto con il club giallorosso.

Ha provato a rasserenare il clima nei giorni scorsi il sindaco del capoluogo salentino Paolo Perrone, che ha precisato come la sua amministrazione farà possibile per garantire un futuro al Lecce. Il primo cittadino ha anche affermato di aver avuto contatti in prima persona con cordate ed imprenditori interessate all’acquisto, che però non hanno mai fatto sentire realmente la loro presenza o esistenza. Il presidente Tesoro nei prossimi giorni indirà una conferenza stampa per aggiornare la situazione, sebbene poche novità vi siano attorno ad una vicenda che ha vissuto pochissime luci e tante ombre fino ad oggi, trovandosi in una sostanziale condizione di stallo.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment