LECCE – Blasi: “Emozioni da ex? No, voglio solo la salvezza con il Lecce”

Estremo e acceso desiderio di salvezza. Voglia di lottare ancora e fino alla fine con l'infinita speranza di potercela fare. Manuele Blasi, il jolly del centrocampo giallorosso, si prepara ad affrontare il Parma sua ex squadra fino a gennaio, con il solo obiettivo di conquistare punti preziosi per la classifica: "Non guardo più i risultati delle altre -spiega il centrocampista di Civitavecchia dodici presenze nel campionato in corso- perché dobbiamo solo pensare a conquistare più punti possibili in queste ultime quattro partite di campionato".

RUOLO IN CAMPO "Come ho già detto in passato decide il mister dove è più opportuno farmi giocare e sono a sua completa disposizione. Con il Parma in campo come esterno destro? Non ho le caratteristiche di Cuadrado, ma sono venuto qui per aiutare la squadra a raggiungere l'obiettivo salvezza e voglio ripagare la fiducia che Cosmi mi ha dato quando sono arrivato, quindi gioco in qualsiasi posizione del campo dove lui decide di schierarmi".

EX DI LUSSO"Incontrare il Parma, la mia ex squadra, non mi suscita emozioni particolari perché ora io penso solo al Lecce; certo mi fa piacere rivedere i miei ex compagni con cui ho passato dei bei momenti, ma tutto qui. Il Parma da quando è arrivato Donadoni sta facendo molto bene e con la vittoria di domenica con il Palermo possono stare abbastanza tranquilli. Sono un'ottima squadra con dei giocatori importanti come Giovinco, Floccari e non solo".

CAPITOLO NAPOLI "Domenica abbiamo interrotto la striscia di risultati positivi, ma giocavamo con il Napoli una squadra forte che contro di noi ha giocato una delle migliori partite del suo campionato. Noi, però, abbiamo lottato e bisogna tenere presente che in campo giocano anche gli altri. Quando si perde gli errori ci sono e quel gol preso al 5' ci ha condizionato".

VOGLIA DI SALVEZZA"Sono venuto qui a Lecce per rilanciarmi, per aiutare la squadra a conquistare l'obiettivo e lotterò fino alla fine per far sì che questo avvenga. Fisicamente stiamo bene e quando vedo giocare le altre squadre mi rendo conto ancora di più di questo. Riusciamo a mantenere le distanze tra i reparti e questo è segno che stiamo bene, poi un calo fisico può anche starci ed è umano che ci sia. Bastano sette altri punti per salvarsi? Non lo so e ho smesso di fare calcoli: dobbiamo fare più punti possibili da qui alla fine e poi vedremo, ma ora 40 ma non bastano più".

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati