Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Benassi: “Non ho parlato coi Tesoro. Il Lecce giocherà  in Serie B, io resto”

Sulle pagine regionali della "Gazzetta dello Sport", Max Benassi non perde occasione per legarsi ancora al Lecce. Il portiere, dopo dieci giorni di vacanza ad Ugento, non ha ancora avuto modo di incontrare la nuova proprietà: "Ancora non ho parlato con i Tesoro. Se mi chiameranno, sarò pronto a tornare a Lecce per parlare dei nuovi programmi del club, non c’è alcun problema. L’importante è che ci sia un progetto serio. Intanto è già importante che a Lecce ci sia una società".

Dopo la retrocessione diversi club di Serie A come Palermo, Catania e Torino sembrano essersi fatte avanti: "Credo siano solo voci, di concreto non c’è nulla. Poi è chiaro che tutto dipende dai programmi della società, ma per quanto mi riguarda nella mia testa c’è solo il Lecce. Anche perché nella scorsa stagione nessuno ha mai dubitato del sottoscritto, quando il mio nome è stato tirato in ballo nella vicenda del calcioscommesse. E di questo sarò sempre riconoscente all’ambiente giallorosso".

Nella testa di Benassi c'è solo la Serie B: "Sono convinto che il Lecce giocherà in Serie B. È la soluzione più giusta, anche perché altrimenti sarebbe un bel problema. Siamo alla fine di giugno e una società deve necessariamente programmareil futuro, sarebbe impensabile dover rifare tutto da zero a poche settimane dall’inizio dei campionati".

Infine sui senatori: «Se potessi farei di tutto per trattenere a Lecce Di Michele. Mi auguro che la nuova dirigenza proponga a David il rinnovo del contratto, perché oltre a essere un giocatore determinante ha delle doti umane straordinarie.Oggi è anacronistico parlare di bandiere, ma Di Michele può davvero incarnare lo spirito di questa squadra. E poi confermerei Giacomazzi. È il nostro capitano, non serve aggiungere altro".