Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Baroni difende la squadra: “Stiamo facendo bene, non si può solo vincere. Crotone ostico”. I convocati

Dopo la rifinitura svolta sul rettangolo verde del Via del Mare, Marco Baroni ha parlato in conferenza stampa per presentare Lecce-Crotone di domani pomeriggio.

Il tecnico ha voluto innanzitutto sottolineare la bontà del cammino giallorosso al netto dell’assenza di successi nelle ultime sfide: “Il nostro modo di giocare ci dà solidità. Ora però voglio fare un’analisi perché ho letto qualcosa sulla difesa. C’è un dato che si chiama differenziale tra tiri fatti e subiti, e qui il Lecce è primo per distacco. Queste cose sono oggettive che non lasciano ad interpretazione. Doppiamo il Frosinone. Abbiamo anche miglior differenziale tra pali colpiti e subiti, perché i centimetri fanno la differenza. Ad esempio la Cremonese ha un gol in più e tre pali, noi ne abbiamo dieci. Ed abbiamo anche la miglior differenza reti. Io rispetto sempre il parlare, purché si parta dall’oggettività delle cose. Questa squadra ha un sistema di gioco che funziona, ha equilibrio, sa recuperare partite e gioca bene. In questa B tanti hanno fatto grandi investimenti ma nessuno le vince tutte e non possiamo pretenderlo noi. Tra Como ed Alessandria abbiamo pareggiato due gare con un rigore fallito all’ultimo e un portiere avversario capace di negarci un gol fatto”.

Ci sono dei recuperi e dei dubbi di formazione. “Di Faragò e Dermaku è più giusto parli il medico. Credo su Dermaku in un paio di settimane possa recuperare, lui deve recuperare la sua situazione. Asencio anche oggi ha lavorato in differenziato ma viene con noi in panchina. I suoi problemi precedenti ne hanno dilatato la possibilità di ricondizionamento. Ragusa è entrato molto bene e sta bene, dal punto di vista fisico ha meno problemi di tutti. E’ chiaro che deve entrare negli schemi di gioco. E’ molto probabile che rientri dal primo minuto, dovremo ancora fare delle valutazioni.  Come interni ho tre soluzioni, ovvero Majer, Helgason e Bjorkengren. Di certo nel corso del match giocheranno tutti e tre. Difesa? giocherà certamente dall’inizio uno tra Simic e Tuia”.

L’avversario ha voglia di fare punti: “E’ una di quelle squadre che all’inizio veniva data per lo meno in corsa per i playoff. E’ andata in difficoltà in un campionato difficile che non guarda a nomi ed investimenti. Troviamo una squadra che a dispetto degli ultimi risultati sta bene quindi sarà una bella gara. Ciò che conta per noi è andare in campo con fiducia e voglia, giocando di squadra. Questa squadra passa dal gioco”.

Non c’è stato un rallentamento nelle ultime uscite: “Ne ho già parlato a proposito di ciò. Questa squadra nelle ultime sei partite ha fatto tre vittorie e tre pareggi, ma bisogna vedere anche come questi pareggi sono arrivati. Quando in ogni pareggio crei tanto e su campi difficili non è un aspetto da sottovalutare. Questa è la Serie B. A volte qui quando pareggi a Como pensi di averlo fatto contro una squadra allo sbando che però poi vince a Frosinone. Non è un caso che venga considerato uno dei campionati più belli, perché ogni vittoria è difficile e spesso ci sono risultati imprevedibili”.

I CONVOCATI:

PORTIERI: Bleve, Gabriel, Plizzari

DIFENSORI: Vera, Lucioni, Simic, Gendrey, Gallo, Calabresi, Barreca, Tuia

CENTROCAMPISTI: Helgason, Bjorkengren, Hjulmand, Blin, Majer

ATTACCANTI: Ragusa, Coda, Listkowski, Rodriguez, Di Mariano, Strefezza, Asencio

Non convocati: Benzar, Faragò (inf.), Dermaku (inf.), Gargiulo (squal.).

(foto: M. Baroni, ph Coribello/SS)