LECCE – Ahi ahi ahi Lecce: finale di 2011 da dimenticare per i giallorossi

A testa bassa. Delusi e amareggiati per l'ultima sconfitta dell'anno in casa dell'Inter. E' finito così il 2011 del Lecce allenato dal vulcanico Serse Cosmi. Non si sperava di certo nel colpaccio proprio contro una delle grandi del campionato, reduce prima di incontrare i giallorossi da tre successi di fila, ma si voleva chiudere l'anno con un risultato positivo per sperare in un inizio di 2012 con una lotta alla salvezza , gia' difficilissima, un po' meno complicata. Almeno dal punto di vista psicologico e dell'umore che un risultato utile a Milano avrebbe potuto dare a capitan Giacomazzi e compagni.

Certo, non sono quelle di ieri le partite che il Lecce deve vincere e poi lontano dalle mura amiche del "Via del Mare", ma ricordando la squadra di De Canio nello scorso anno, soprannominata "ammazza grandi", si sperava in qualcosina di più e non in una vittoria così netta e meritata da parte degli uomini di Ranieri, come lo stesso Cosmi ha sottolineato a fine partita.

Eppure il Lecce ha aperto le marcature in quel di "San Siro" con un gol da applausi del baby prodigio colombiano Luis Fernando Muriel, ma il finale è noto a tutti: 4-1 per i nerazzurri con quattro legni colpiti dai padroni di casa dopo il vantaggio dei giallorossi nel primo tempo.

C'è di positivo, però, che Oddo e soci anche dopo il 2-1 e il 3-1 non hanno mollato e hanno creato tanto per rimettere la partita apposto. Ma si sa, tutti i nodi ritornano al pettine e il Lecce paga ancora una volta i tanto decantati errori individuali che sono costati la panchina a "Di Fra", le disattenzioni difensive e perchè no, la poca concretezza e le occasioni sprecate in attacco da Corvia e compagni.

Un solo risultato utile per Serse Cosmi alla guida del Lecce in tre partite e un solo punto in classifica, quello conquistato nel 3-3 al Tardini di Parma. I giallorossi chiudono il 2011 all'ultimo posto con 9 punti, 33 gol subiti e 17 fatti.

Undici sconfitte in sedici partite (di cui sei casalinghe), due vittorie esterne e tre pareggi: è questo il bottino con cui il Lecce chiude un anno davvero nero, se non si ricordano gli ultimi sorrisi per la festa salvezza alla penultima partita di campionato in casa del Bari in cui i giallorossi si sono salvati con una gara d'anticipo.

E ora? In attesa della sfida del prossimo 8 gennaio al "Via del Mare" contro la capolista Juventus, i giallorossi sono a riposo per le festività natalizie. Si riprende il 29 per preparare la gara contro i bianconeri, sperando che sia la volta giusta per sfatare il tabù stagionale casalingo. Sognare non costa niente: guai a non farlo.

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati