LE PAGELLE – Di Francesco vedi Napoli e poi “muori”? Muriel che talento

Di Francesco arriva a Napoli e si siede in panchina per vedere il suo probabile tramonto. Il Napoli abbatte il Lecce 4-2 con un Cavani in ottima forma, doppietta per la punta, e un Lavezzi che fa in quattro, in tutti i sensi, la difesa salentina.

BENASSI 5: Sul primo goal del Pocho Lavezzi è fortemente colpevole, poi deve arrendersi allo strapotere partenopeo. Questa sera in difficoltà anche nelle uscite, un paio di esse da brividi. IN CALO

ODDO 5: Il 22 argentino è di un altro pianeta, vedasi quarto goal campano. Il capitano di giornata sembra logoro e si arena nella mare biancazzurra. BALLA LA POCHO DANCE

FERRARIO 5.5: Rientrare contro il Napoli non è facile, poi contro tre dei quattro tenori è un'impresa. Fa il suo anche se paga fisicamente i 90'; del pacchetto arretrato risulta uno dei meno peggio. RIENTRANTE

TOMOVIC 5.5: All'inizio s'incolla a Lavezzi e neutralizza per 25' la punta albiceleste. Nel proseguo della gara affonda come tutti. MOHICANO STREMATO

ESPOSITO 5: Un giocatore che ha talento, ma senza il supporto di Carrozzieri paga un prezzo carissimo in termini di lucidità. Cavani lo mette in croce nella prima frazione e nel tentativo di rimonta lascia il posto a Corvia. GIGANTE D'ARGILLA

MESBAH 5: L'algerino si è completamente smarrito. Premiato in settimana come miglior terzo giocatore d'Algeria, questa sera al San Paolo paga il faccia a faccia con Maggio, che comunque non spinge come al solito. Il terzino leccese si limita troppo alla fase difensiva. FERMO ANCORA AL 2010-11

CUADRADO 6: Il colombiano si danna l'anima e corre 90' su tutta la fascia destra. Dà fastidio a Fideleff e compagni recuperando molti falli, ma è generale del nullo centrocampo leccese. SFACCIATO

STRASSER 5.5: Sempre preso in mezzo da Inler e Dzemaili. Sul terzo goal napoletano doveva rimanere sullo svizzero-macedone, ma si schiaccia troppo sui centrali. TAPPA FALLE, ANNACQUATO

GROSSMULLER 4.5: Non pervenuto. Uno dei migliori fino ad oggi nel Lecce, decide di andare in vacanza contro il Napoli. Resta un trequartista, nel centrocampo a tre è un suicidio. FUORI SCHEMA

PASQUATO 5: L'Italia intera si chiedeva il perchè Di Francesco non puntasse su di lui. Ha un indubbio talento, ma è troppo leggero. Sul 3-0 cerca di riaprire la gara, ma di destro a porta vuota è troppo debole. Gli manca la bava alla bocca. DA SVEZZARE

MURIEL 6.5: Aronica-Fernandez-Fideleff se lo sogneranno a lungo, soprattutto l'ex Reggina Aronica. Nell'imbrunire del primo tempo s'inventa una magia in area e serve Pasquato che si mangia la rete. Nel secondo tempo trova il goal aggirando con un tocco fine De Sanctis. 90 MINUTI ALLA RONALDO

Cambi:

CORVIA 6: Finalmente arriva il goal, ma è all'ultimo secondo e vale solo il 4-2. Gioca un buon secondo tempo, magari la marcatura lo rilancia. GOAL BENEFICO

OBODO 5.5: Al posto di un evanescente Grossmuller quando il centrocampo campano ha già dato. TROTTOLA AFRICANA

BERTOLACCI 6: 20' per il romano che ci mette un paio di dribbling. Bastano per capire che ha grande intesa con Muriel. C'E'

All.DI FRANCESCO 5: Riccardo Freda, nel 1951, diresse "Vedi Napoli e poi muori" oggi a 60 anni di distanza va in scena il remake per l'allenatore di Pescara. Ieri potrebbe essere stata la sua ultima panchina giallorossa e l'impietoso abbandono dal campo dopo l'espulsione inflittagli da Romeo è una mesta uscita di scena. La difesa a 5 e il centrocampo a 3 faranno parlare per giorni interi. A TESTA BASSA

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati