LA PARTITA – Nella gara dei tre rossi, al Lecce bastano due acuti. Paganese k.o per 2-0

Grazie ad una prestazione di carattere e di cinismo, i giallorossi di mister Franco Lerda hanno la meglio di una Paganese dalla poca qualità e mai in partita, che esce sconfitta dal “Via del Mare” con un secco 2-0. Partita molto fisica, con tre espulsioni e tante ammonizioni, ma soprattutto che ha offerto poco spettacolo agli spettatori presenti. Ospiti mai vicini al gol e Lecce bravo a colpire in due delle poche opportunità che oggi, complice l’aver cambiato sistema di gioco dopo soli cinque minuti, si sono riusciti a creare.

Dopo appena cinque minuti dal fischio d’inizio, l’episodio che rischia di compromettere la gara dei giallorossi: una palla persa a centrocampo lascia via libera al contropiede ospite con Nowothny che, lanciato a rete, viene atterrato da Vinetot, con conseguente rosso diretto per fallo da ultimo uomo. Nonostante l’inferiorità numerica, il primo tempo sarà un assolo giallorosso, con i padroni di casa bravi a reagire attaccando con continuità e rimanendo compatti in fase difensiva. Al 14′ Beretta riceve da Lopez e, dopo aver saltato due avversari, calcia fuori dai 25 metri. Due minuti dopo il portiere ospite Volturo rischia la frittata rinviando su Barraco, con la palla ribattuta che termina di poco al lato. Al 24′ ancora bravo Beretta a rubare palla sulla trequarti e servire Miccoli, il cui destro diretto in porta è pero salvato in prossimità dalla linea di porta da Monopoli.

Alla mezz’ora Lecce vicino nuovamente al gol con Lopez, che devia alto di testa su angolo di Miccoli. Al 34′ si ripristina la parità numerica: Palomeque interviene in ritardo su Lopez e riceve la seconda ammonizione. Il Lecce prova ad accelerare e, al minuto quaranta, va vicino al vantaggio con Beretta, la cui pericolosa incursione è sventata in due tempi da Volturo. Appena sessanta secondi più tardi i giallorossi passano: su punizione di Miccoli, Papini è bravo a fare da sponda per Lopez che, solo davanti Volturo, non sbaglia per il gol dell’1-0.

Prima parte della ripresa giocata dalle due squadre a ritmi decisamente bassi, con il Lecce che si limita a controllare le timide sortite offensive della Paganese. Al quarto d’ora arriva il primo tiro della Paganese con Velardi che, dopo aver vinto un contrasto con De Rose, calcia alto dal limite dell’area. Al 19′ si rivede il Lecce: Miccoli impegna severamente Volturo, abile a parare in due tempi la punizione dal limite del capitano giallorosso. Al 25′ pericolosa azione degli ospiti con Grillo che, dopo un tiro rimpallato di Lanteri, calcia alto da buona posizione. Il Lecce controlla agevolmente il vantaggio, ma non riesce a sfruttare gli ampi spazi fino al minuto quarantuno, quando Beretta, lanciato a rete da Doumbia è atterrato da Perrotta: altro rosso diretto e calcio di rigore, trasformato da Ferreira Pinto. Dopo due minuti il Lecce manca il tris con uno scatenato Beretta, che calcia al lato in rovesciata su assist di Ferreira Pinto.

Dopo tre minuti di recupero, il signor Mainardi fischia la fine di una partita che, nonostante l’espulsione iniziale di Vineto, non è mai stata in bilico. Domenica prossima i giallorossi saranno di scena a Gubbio.

 

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già collaboratore de Il Giornale di Puglia, il Corriere dello Sport e, dal 2013, redattore di SalentoSport.net.

Articoli Correlati