LA PARTITA – Il Lecce sfiora l’impresa, il Genoa ribalta e passa. Giallorossi out a testa altissima

lepore checco foto michel caputo

Foto: Franco Lepore (@Michel Caputo)

Un gran bel Lecce saluta la Tim Cup dopo una gara entusiasmante, ma terminata con una sconfitta, al cospetto del forte Genoa, formazione di Serie A ma che ha sudato sette camicie per avere la meglio dei salentini. Sotto ad inizio ripresa dopo un ottimo primo tempo, i giallorossi hanno avuto la forza di ribaltare il punteggio, salvo subire nel finale la reazione d’orgoglio della squadra di Juric, forte di un attacco di altissima caratura. Con questa sconfitta l’undici di Padalino saluta la competizione, con la prossima gara ufficiale in calendario che corrisponderà all’esordio in campionato.

Il primo tempo parte con un Lecce che sembra non avere alcun timore reverenziale al cospetto del più blasonato avversario, un Genoa voglioso di fare bene alla prima gara ufficiale della stagione davanti ai propri tifosi. La prima conclusione del match è proprio ad opera dei giallorossi, al tiro con Caturano dopo un minuto con Lamanna bravo a respingere. Al 10′ prima opportunità di marca genoana su azione di calcio d’angolo, quando la deviazione di testa di Gakpè termina fuori di non molto. Due minuti dopo clamorosa palla-gol per i rossoblù targata Laxalt, la cui incursione è stoppata in extremis da Vitofrancesco, che spazza all’altezza della linea di porta. Al minuto ventidue si rivede il Lecce con Doumbia, protagonista di una bella avanzata sulla corsia mancina conclusa con un tiro parato dal numero 1 avversario. Al ventiseiesimo l’undici di Padalino va a pochi centimetri dal gol, ma il cross di Mancosu deviato da Fiamozzi va solo a sfiorare il palo. Al 44′ ancora salentini in avanti con un calcio di punizione di Lepore, ma anche stavolta Lamanna è attento e para, facendo concludere a reti bianche un primo tempo in cui il Genoa è stato protagonista di un dominio solo territoriale, mentre il Lecce ha sofferto pochissimo e, anzi, si è spesso e volentieri fatto vedere nell’area avversaria.

Nella ripresa il Lecce fatica all’inizio, e dopo tre minuti il Genoa passa in vantaggio con il portoghese Veloso, che insacca in maniera impeccabile una punizione dal limite dell’area. I giallorossi sembrano accusare il colpo e nei minuti successivi si fanno vedere in avanti ancora con Veloso e poi con Rincon. All’undicesimo pericoloso il neoentrato Torromino, la cui conclusione a rete è respinta da Lamanna. Al 14′ bravo stavolta Gomis nel deviare in angolo il tiro a botta sicura di Pandev. Al 17′ arriva il pareggio giallorosso: un inarrestabile Torromino è fermato ancora da Lamanna, ma in questo caso sulla palla vagante si avventa Lepore, che di destro porta il risultato in parità. Passano ancora due minuti ed i salentini ribaltano il punteggio con il solito Torromino, lanciato nella metà campo avversaria e bravo portare i suoi in vantaggio in contropiede. I rossoblù provano subito a reagire con Ocampos, su cui è miracoloso il doppio intervento di Gomis. Al 29′ il Genoa pareggia con Pandev, abile a girare a rete da ottima posizione. Al 35′ nuovo ribaltone del match, con i ragazzi di Juric che trovano il nuovo vantaggio grazie alla perfetta deviazione di testa di Pavoletti, che trasforma al meglio il corner di Veloso. Stavolta il Genoa amministra bene il vantaggio ed i giallorossi non riescono a reagire, perdendo 3-2 e salutando a testa alta la manifestazione.

QUI IL TABELLINO

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già collaboratore de Il Giornale di Puglia, il Corriere dello Sport e, dal 2013, redattore di SalentoSport.net.

Articoli Correlati

  • custodero-giovanni-fasano LECCE – Custodero e Vincze, tante emozioni ieri nel pre-gara contro l’Inter

    Prima della gara di ieri tra Lecce e Inter, la società giallorossa ha voluto ricordare lo sfortunato Giovanni Custodero, giovane portiere di calcio a 5 originario di Fasano, scomparso nei giorni scorsi per una grave malattia. I calciatori di Lecce e Inter sono scesi in campo per il riscaldamento indossando le maglie con su stampato…

  • LECCE – Liverani può finalmente sorridere: “Concesso poco ad una squadra straordinaria come l’Inter”. Conte sconsolato

    Dopo quattro ko consecutivi, finalmente può sorridere mister Fabio Liverani dopo il pari strappato dal suo Lecce all’Inter di Antonio Conte. Ecco l’analisi del tecnico giallorosso ai microfoni di Sky: “La squadra ha fatto un’ottima partita, abbiamo subito ciò che c’era da subire e abbiamo creato problemi ad una formazione che, di solito, concede molto…

  • LECCE – Petriccione è uno spettacolo, difesa versione muraglia: le pagelle del pari strappato all’Inter

    LE PAGELLE DI LECCE-INTER Gabriel voto 7: super doppio intervento su Brozovic  nella prima frazione, bene su Sensi nella ripresa. Per tutti i novanta minuti dimostra grande sicurezza su tutti i cross che transitano dalle sue parti. Rispoli voto 6,5: rispolverato dopo diverso tempo, sfodera una prestazione di grande solidità limitando Biraghi. Ad inizio ripresa…

  • LA CRONACA – Impresa Lecce, fermata la corazzata Inter! Anche Conte costretto al pari

    Un Lecce riscopertosi compatto e in grado di fare una gara ordinata di contenimento costringe all’1-1 l’Inter. Prestazione tutta cuore dei ragazzi di Liverani, che soffrono i nerazzurri solo all’inizio per poi limitarli a poche palle gol sommate, e raggiungerli con Mancosu dopo lo svantaggio. La classifica torna a muoversi e i salentini respingono l’attacco…

  • lecce-inter-190120-ss LIVE! LECCE-INTER, il tabellino

    LIVE! LECCE-INTER, il tabellino Lecce, stadio “Via del Mare” domenica 19 gennaio 2020, ore 15 Serie A 2019/20 – giornata 20 LECCE-INTER 1-1 RETI: 71′ Bastoni (I), 77′ Mancosu (L) — FINALE — LECCE (5-3-2): Gabriel – Rispoli (76′ Falco), Lucioni, Rossettini, Dell’Orco, Donati – Mancosu (83′ Meccariello), Petriccione, Deiola – Lapadula (62′ Majer), Babacar. A…