Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Giacomazzi pronto alla festa: “Dai, vinci, e poi gioiremo tutti assieme”

C’è anche l’ex capitano giallorosso, Guillermo Giacomazzi, a spingere idealmente il Lecce verso la vittoria, nel prossimo turno interno del “Via del Mare” con la Paganese. Una vittoria che significherebbe sbarco matematico in Serie B“Occorre un ultimo sforzo – afferma l’ex centrocampista uruguaiano – il traguardo tanto ambito è a portata di mano. Bisogna battere la Paganese e poi fare festa per il raggiungimento di un obiettivo lungamente inseguito. Appuntamenti come quelli di domenica, per un calciatore, hanno sempre un sapore particolare. Tutti vorrebbero disputare partite del genere e ciascuno vive i giorni precedenti a modo suo. Personalmente, ero abbastanza tranquillo, ma c’è chi attende l’appuntamento con tensione o con un po’ di ansia. La cosa certa è che ciascun calciatore non vede l’ora che giunga il momento di scendere in campo per dare il meglio e provare a raggiungere il traguardo”.

Giacomazzi ricorda la promozione in Serie A del 2009/10 vissuta da protagonista: “Sia la compagine che ha ottenuto l’ultima promozione in A che quella attuale sono decisamente forti. La differenza sta nel fatto che il ‘mio’ Lecce non veniva accreditato dei favori del pronostico e invece riuscì a salire sul gradino più alto del podio, precedendo formazioni del calibro del Torino. La squadra attuale dispone dell’organico più quotato della categoria e ha comandato costantemente la classifica dall’ottava giornata, pur accusando una flessione che circa un mese fa ha messo a repentaglio la sua leadership, ma merita ampiamente la promozione”.

Al “Via del Mare” il tutto esaurito per un appuntamento tanto atteso: “Ci sarà il pienone, non i soliti 10-12 mila spettatori. Magari vedrò il match da casa, ma mio figlio Sebastian potrebbe chiedermi di essere presente allo stadio, come abbiamo fatto nella maggior parte delle gare della stagione. In ogni caso – conclude Giacomazzi – se le cose andranno per il verso giusto faremo grande festa”.