[ESCLUSIVA SS] LECCE – Accardi, ag. Di Mariano: “Il ragazzo ha bisogno di mettersi in mostra. Il Lecce lo ha capito…”

Tutti su Francesco Di Mariano, talento del Lecce classe 1996, nipote d’arte, di colui che nell’estate 1990 fece sognare l’intera Italia calcistica, Totò Schillaci. Il ragazzo è nel mirino di grandi club come la Sampdoria, la Roma e il Benfica e potrebbe lasciare Lecce. Ai microfoni di SalentoSport.net, il suo agente, Giuseppe Accardi fa chiarezza su tutto.

Signor Accardi, conferma gli interessi di squadre come Roma, Sampdoria e Benfica?

“Sì. Confermo tutto”.

Il Lecce potrebbe perciò cedere, qualora arrivasse l’offerta giusta?

“Non è questione di offerta. La questione è legata alla crescita professionale del ragazzo. Il Lecce, il prossimo anno farà una squadra per poter vincere il campionato e sappiamo che Di Mariano deve crescere. Deve lavorare molto e fare un campionato Berretti non gli dà l’occasione che può avere in un campionato Primavera. Questa è la realtà. Ne abbiamo discusso con il Lecce, cercando di trovare una soluzione logica, anche perché Di Mariano ha bisogno di fare questa fase di crescita. Il Lecce non può permettersi di bruciarlo o di fargli fare il campionato Berretti. Noi abbiamo chiesto, in maniera forte, che il ragazzo possa fare le sue esperienze. Il Lecce, che lo ha come capitale, cerca di tutelare e di valorizzare il più possibile il giocatore. Però anche loro si stanno rendendo conto che il ragazzo si deve mettere in discussione con qualcosa di importante”.

Giocare in Primavera a Roma o Genova, potrebbe perciò essere la soluzione migliore?

“Senza ombra di dubbio. Anche perché sino all’anno scorso era titolare in Nazionale e una volta sceso in un campionato minore non è stato più convocato nelle competizioni importanti, pur avendo una buona considerazione. In questa fase della sua crescita, deve mettersi in mostra”.

Ci saranno degli incontri con il Lecce, magari per prendere una decisione definitiva?

“Con il Lecce ci sentiamo quasi ogni giorno. Devo dire che da parte del Lecce, come sempre, stiamo trovando grande disponibilità. Normale che debbano guardare ai loro interessi, come giusto che sia. Le tre parti di un accordo devono perciò trovare la soluzione migliore per il ragazzo”.

Articoli Correlati