Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – L’entusiasmo di Di Piazza: “Segnare al Catania da palermitano è gioia doppia. Noi superiori a loro”

Tornato in campo dopo l’infortunio e subito decisivo nel realizzare un gol di fondamentale importanza nel match con il Catania, la punta del Lecce Matteo Di Piazza è pronto e carico per dire la sua in un periodo delicato nella lotta al vertice come quello attuale. L’ex Foggia ha parlato in tarda mattinata, esprimendo il suo entusiasmo per essere tornato a correre in gare ufficiali.

Di Piazza ha aperto dicendo la sua sulla panchina iniziale con il Catania: Io accetto le decisioni del mister, in più stavolta venivo da questo fastidioso infortunio. Senza dimenticare che il nostro parco attaccanti è di categoria superiori. Comunque sono contento di essere entrato e aver contribuito con un gol al pareggio con il Catania, poi per me che sono di Palermo è un piacere in più. L’esultanza? Un’esplosione di gioia proprio perché ho saltato qualche partita, mentre io voglio dare il mio contributo per vincere il campionato. Un’altra soddisfazione è stata l’ovazione del pubblico al mio ingresso in campo, cosa che non si vede tutti i giorni. Qui mi sento a casa”.

La testa è già al prossimo impegno: “Prepareremo la gara con il Rende come tutte le altre. E’ un ostacolo che rappresenta una tappa fondamentale, quasi un esame. Non so se giocherò dal primo minuto, alla fine decide sempre Liverani. Per me non sarebbe un problema, io mi alleno sempre al massimo. Il Catania? Pensiamo noi e alla nostra forza, secondo me siamo superiori a loro anche grazie al tecnico e all’unione del gruppo. Con i rossazzurri non c’è stata nessuna paura, ma solo un po’ di sana tensione. Abbiamo fatto bene, loro oltre al rigore non hanno fatto nulla altro, e inoltre c’era anche un rigore netto per noi”.

Infine non è mancata una battuta sul mercato: “Non so se arriveranno altri attaccanti, in ogni caso noi dobbiamo aiutare il mister e metterci a disposizione. Poi chi arriva è sempre il benvenuto per il bene della squadra”.