LECCE – Agostinone, il “Lepore mancino”. La scheda del neo arrivo alla corte di Padalino

Ufficializzato il suo arrivo dal Piacenza, l'ex Foggia conferirà corsa, qualità ed esperienza alla corsia di sinistra

agostinone-ph-piacenzacalcio

Foto: Sulla destra Giuseppe Agostinone con la maglia del Piacenza (@Piacenza Calcio)

Attesa ormai da giorni, nel pomeriggio di ieri è giuntal’ufficializzazione, da parte del Lecce, dell’acquisto di Giuseppe Agostinone. Il calciatore nativo di Foggia ha firmato un contratto fino al 2018, ed è arrivato dal Piacenza, compagine del girone A della Lega Pro, che lo ha lasciato andare solo in cambio di una sostanziosa contropartita economica che non fa altro che rimarcare il valore dell’operazione di mercato condotta dal ds Meluso.

Esterno sinistro classe 1988 che nasce difensore ma che ha giocato a lungo, soprattutto in passato, sulla linea di centrocampo e anche come ala offensiva, Agostinone è cresciuto nelle giovanili del club della sua città. Con il Foggia ha esordito tra i Pro ancora minorenne nella Serie C1 2004/2005, e al netto delle esperienze, tutte in C, con il Martina Franca (3 presenze nella C1 ’06-’07), Pro Vercelli (18 presenze e 2 reti nella C2 ’09-’10), Montichiari (8 presenze nella C2 a inizio 2012), e Piacenza (22 presenze nella stagione in corso), il neo acquisto ha sempre vestito la maglia rossonera, con la quale è sceso in campo 123 volte realizzando 8 reti, il tutto dilazionato in nove stagioni e mezzo. Mister Padalino lo conosce bene per averlo allenato in due stagioni consecutive, tra il 2012 e il 2014 in D e in Seconda Divisione. Due tornei che hanno consentito al Foggia di tornare in terza serie e che hanno visto in Agostinone uno dei protagonisti tra i Satanelli capaci di realizzare il doppio salto di categoria. Molto bene ha fatto anche nel primo anno con De Zerbi, mentre nella passata stagione l’esterno mancino ha subito la concorrenza di Di Chiara ma soprattutto un infortunio che lo ha tenuto a lungo fuori da una delle migliori squadre del campionato. Sempre lo scorso anno, ha conseguito la Laurea in Scienze Motorie, con voto di 101/110.

A Lecce Agostinone porterà corsa e qualità sulla corsia mancina, dalla quale Padalino si aspetta maggiore continuità rispetto a quanto dimostrato da Ciancio e Contessa fino ad oggi. Il neo acquisto dovrà quindi giocarsi il posto da titolare con i sopracitati elementi, non partendo attualmente da favorito ma allo stesso tempo pronto a inserirsi nell’undici di partenza qualora se ne palesasse la necessità, e non per forza nel ruolo di esterno basso. Forte di una duttilità paragonabile a quella di capitan Lepore, infatti, Agostinone potrebbe anche essere chiamato in causa da attaccante di fascia per impostare una formazione un po’ più difensiva, oppure come mezzala per dare corsa e caratteristiche più di contenimento al settore di centro-sinistra della mediana giallorossa.

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già collaboratore de Il Giornale di Puglia, il Corriere dello Sport e, dal 2013, redattore di SalentoSport.net.

Articoli Correlati