Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

TARANTO – Superato il primo ostacolo, il Marcianise cade allo ‘Iacovone’

Parte con il piede giusto l’avventura play off del Taranto, che sul prato amico dello “Iacovone” manda al tappeto col punteggio di 3-2 un’ostico Marcianise. Partita spigolosa, come facilmente preventivabile considerando le scaramucce che condirono il post partita del Progreditur. Formazione completamente ridisegnata da Papagni che non può avere a disposizione gli squalificati Ciarcià, D’Angelo, Carloto e Clemente. Tra i pali si rivede Masserano, mentre sulla linea dei difensori non c’è Viscuso, al suo posto Pulci.

PRIMO TEMPO – La gara non decolla e in avvio sono i padroni di casa ad avere la meglio, quantomeno sotto il punto di vista territoriale. La prima azione degna di nota nasce al 14’ dai piedi di Mignogna che dal fondo mette in mezzo un cross teso sul quale Migoni manca l’impatto per una questione di centimetri. Sempre l’esterno ex Torres sugli scudi una manciata di minuti più tardi, quando dopo una serpentina viene abbattuto in area da Rosetti. Per il direttore di gara è calcio di rigore. Dagli undici metri si presenta Hernan Molinari che trasforma, finendo sul tabellino marcatori per la ventitreesima volta in stagione. Passano appena otto minuti e gli jonici raddoppiano con Mignogna che direttamente su calcio d’angolo beffa Imbimbo, costringendolo ad una goffa respinta che termina la propria corsa in rete. Dopo il raddoppio il Taranto conferma la propria superiorità sfiorando il tris con Balistreri, che al 38’ centra il montante a Imbimbo battuto.

SECONDO TEMPO – Papagni non cambia nulla e sul green si ripresentano gli stessi effettivi che erano scesi in campo durante i primi quarantacinque minuti. Al 6’ Muwana potrebbe mettere in ghiaccio il risultato ma si attarda nel calciare, lasciandosi rimontare dalla retroguardia casertana. Al 14’ termina la partita di Molinari che fa spazio a Viscuso, anche in vista dell’immediato impegno di mercoledì. A sorpresa però sono gli uomini di Foglia Manzillo a passare: ripartenza errata di Menicozzo che innesca l’azione di Tenneriello lesto a prendere il fondo e a pennellare per Di Ronza che di testa accorcia le distanze. Al 28’ la gara del Taranto si complica ulteriormente a causa del rosso diretto comminato a Pulci per un intervento su Conte. L’inferiorità numerica condiziona i rossoblu che gradualmente quasi spariscono dal campo, colpendo però in contropiede grazie ad una sassata di Riccio, che dai venticinque metri raccoglie un servizio di Menicozzo e fulmina il malcapitato numero uno campano. Il punteggio, decisamente più morbido, consente a Prosperi e soci di spegnere ancora il motore, fino al nuovo gol dei gialloverdi che arriva ancora per mano del già tristemente noto Iadaresta, abile a sfruttare un’ indecisione di Masserano, conferendo un minino di senso ai tre minuti di recupero concessi dal signor Dionisi di L’Aquila, al termine dei quali c’è solo il tempo di abbozzare un sorriso e pensare al Monospolis, prossimo ostacolo sulla via del purgatorio.

***
TARANTO-P. MARCIANISE 3-2

Reti: 28′ rig.Molinari, 34′ Mignogna , 19’st.Di Ronza, 38’st.Riccio, 44’st.Iadaresta

TARANTO (3-5-2): Masserano; Pulci, Prosperi, Riccio; Mignogna (33’st Miale), Menicozzo, Muwana, Migoni (24’st Vivacqua), Picascia; Molinari (13’st Viscuso), Balistreri. A disposizione: Marani, Caiazzo, Grieco, Caruso, Fonzino, Bilello. Allenatore: Papagni.

P.MARCIANISE (5-3-2): Imbimbo; Rossetti, Posillipo (1’st Conte), Lagnena, Pagano, Di Ronza; Viola, Vitiello, Gerardi (43’st D’Anna); Tenneriello, Citro (33’st Iadaresta). A disposizione: Navarra, Corduas, D’Anna, Temponi, Piscitelli, Iuliano, Pilozzi. Allenatore: Foglia Manzillo.

ARBITRO: Dionisi di L’Aquila
AMMONITI: Viscuso, Masserano (T)
ESPULSI: Al 28’st Pulci (T).
RECUPERO: 0’pt, 3’st.
NOTE: Spettatori circa 5000. Giornata calda. Terreno in discrete condizioni.