TARANTO – D’Agostino e Pellegrino firmano la vendetta sulla Sarnese. D’Agostino: “Vittoria importante”

Una tripletta del trequartista di origini molisane e un rigore parato a pochi minuti dal termine permettono al Taranto di infilare la quarta vittoria consecutiva. D'Agostino: "Speriamo di essere in tanti contro il Cerignola"

paolo-pellegrino-stefano-dagostino-taranto-serie d-capriglione

Foto: Pellegrino e D'Agostino, eroi di giornata (© F. Capriglione)

C’era da vendicare la sconfitta dell’andata, quando il Taranto cedette il passo alla Sarnese allo ‘Iacovone‘. I rossoblù di Michele Cazzarò hanno portato a termine la missione con una partita per cuori forti che li ha visti andare in vantaggio all’11’ su calcio di rigore, siglato da D’Agostino, per fallo di Miccichè su Favetta, unico attaccante in campo per la truppa ionica. I campani cercano di pareggiare subito i conti ma la punizione calciata da Calemme non centra lo specchio della porta, così come il colpo di testa di Nappo un paio di minuti più tardi. Il Taranto sembra accontentarsi di gestire la partita e la Sarnese ne approfitta per alzare i giri e far pesare la maggior presenza nella metà campo ionica. Il gol del pareggio arriva nel quarto dei tre minuti di recupero concessi dal signor Panozzo: l’autore è Elefante che supera Pellegrino con un preciso diagonale.

La ripresa delle ostilità è da incubo per i colori rossoblù che si vedono superare dai campani con la rete di Calemme che, approfittando di un varco apertosi nella difesa ospite, si presenta davanti a Pellegrino e lo infila imparabilmente. Il Taranto reagisce e giunge al pareggio con D’Angelo ma l’arbitro annulla per un presunto fallo. Il tecnico tarantino si affida alla panchina: dentro Diakitè per Galdean e passaggio dal 4-2-3-1 al 4-2-4. La mossa non porta i frutti sperati e sono i campani a farsi preferire per il pressing a centrocampo che toglie lo spazio agli avversari, in difficoltà nel fraseggio. Al 71′ il classico episodio che cambia l’inerzia di una partita. D’Agostino, su calcio di punizione, disegna una parabola imprendibile per Russo e porta il risultato sul 2-2. Cazzarò manda in campo anche l’esordiente Portoghese che si fa notare con un cross per Favetta, il cui tiro finisce su Russo, e con una conclusione personale che costringe la Sarnese a rifugiarsi in calcio d’angolo.

Il gol del vantaggio non tarda ad arrivare e lo sigla, neanche a dirlo, D’Agostino con un altro calcio da fermo che supera il portiere. Con il rinnovato vantaggio, Cazzarò decide di dare man forte al centrocampo, sostituendo Favetta con Gori. Un minuto più tardi la Sarnese ha l’occasione per tornare in parità. D’Angelo tocca la sfera con le mani in area di rigore: dagli undici metri Pellegrino respinge la conclusione di Cacciottolo, salvando il risultato finale che non cambierà fino al settimo minuto di recupero.

A fine gara la parola passa al match-winner, Stefano D’Agostino: “Nel primo tempo non siamo stati impeccabili e l’1-1 penso ci stia tutto. Nell’intervallo ci siamo parlati e siamo scesi in campo con la voglia di portare a casa la vittoria che ha un significato particolare sia per la squadra che per la città di Taranto. Tripletta? Non è la mia prima volta ma sono felice soprattutto per il gruppo. Un grazie va anche a Paolo Pellegrino che ha parato un rigore decisivo. Dedica? Alla mia famiglia e a mia figlia. Spero che domenica prossima ci possa essere tanta gente allo stadio per sostenerci nello scontro diretto contro il Cerignola.


SARNESE-TARANTO 2-3
RETI: 11′ rig., 71′ e 84′ D’Agostino (T), 45+4′ Elefante (S), 48′ Calemme (S)

SARNESE: Russo; Rizzo (87′ Talia), Arpino, Miccichè; Sorriso, Nappo, Nasto, Ansalone; Calemme (65′ Petrocciuolo); Manfrellotti (74′ Cacciottolo), Elefante (79′ Sbrulino). A disp.: Di Donato, Annese, Tortora, Agrillo, Sannia. All. Condemi
TARANTO: Pellegrino; Bilotta, D’Angelo, Rosania, Li Gotti (79′ Portoghese); Lorefice, Galdean (Diakite), Marsili; D’Agostino (90’+2 Capua), Ancora (87′ Cacciola); Favetta (85′ Gori). A disp.: Pizzaleo, Corbier, Palumbo, Giorgio. All. Cazzarò
Arbitro: Niccolò Panozzo di Castelfranco Veneto. Ass.ti: Mattera di Roma e D’Ilario di Tivoli.

Note: Pellegrino (T) para un rigore a Cacciottolo all’86’. Ammoniti: Nasto, Sorriso (S); Lorefice, D’Agostino (T). Recupero: 3′, 7′

Umberto NARDELLA
Nato nel 1976, sposato, lavora nel team IT di una multinazionale americana. Scrive per SalentoSport da diversi anni ed è uno sportivo, nel senso che gli piace vedere gente che fa sport. Innamorato da sempre del calcio, sin da piccolo è stato affascinato dai campi polverosi di paesini sconosciuti. Ogni domenica è buona per andare a vedere una partita di calcio, rigorosamente dilettante.
http://www.salentosport.net

Articoli Correlati