TARANTO – Cordua: “Società inadempiente”. La società si difende: “Rispettati gli impegni”

curva taranto ss

La deflagrazione ha avuto l’effetto di mettere in allarme un’intera comunità pallonara ancora scossa nell’animo dalle vili precedenti gestioni. I termini “vertenza” e “mancato pagamento” poi hanno completato il quadro, riaprendo ferite ancora non cicatrizzate. A mettere i brividi all’intera piazza tarantina ci ha pensato l’ex rossoblu, Ermanno Cordua che in un intervista rilasciata al sito tuttosporttaranto.com, denunciava così l’inadempienza del sodalizio jonico nei suoi confronti: “E’ da tanto tempo che cerco di appianare la mia situazione economica con il club per quanto riguarda la passata stagione. Purtroppo ad oggi tutto questo non è avvenuto. Ho versato un assegno il giorno 16 settembre e il 25 ho verificato incredulo che l’assegno risultava impagato. E’ passato quasi un mese – sottolineava Cordua –, io ho tentato in tutti i modi di mettere la situazione apposto in modo bonario ma questo non è avvenuto. Utilizzo voi per fare un appello per rispetto dei tifosi del Taranto: attenderò fino a gioved”igrave; per la sistemazione della mia posizione economica. In mancanza di risposte positive ho intenzione di tutelare i miei diritti attraverso lo studio dell’avv. Chiacchio, al quale mi sono già rivolto. Venerdì, con grande dispiacere, sarò costretto a fare vertenza alla società”.

Pronta, tanto quanto seccata la risposta della società del presidente Fabrizio Nardoni che tramite un comunicato stampa ha chiarito la propria posizione. Vi riportiamo di seguito il comunicato stampa in versione integrale.

Con riferimento agli articoli di stampa relativi a presunte rivendicazioni lamentate dal Sig. Cordua Ermanno, il Taranto FC 1927 – nel prendere le distanze e stigmatizzare la modalità assunta dal calciatore di rivolgersi alla stampa per mandare messaggi alla Società, danneggiando l’immagine pubblica del Taranto – osserva e specifica che, con riferimento agli emolumenti economici relativi alla passata stagione, sono stati rispettati e soddisfatti tutti gli impegni federali, ragion per cui il Taranto FC 1927 NON rischia alcun punto di penalizzazione, così come frettolosamente riportato dalla stampa a seguito delle estraniazioni del Sig. Cordua. Quanto a situazioni pregresse e relative a periodi precedenti alla Presidenza Nardoni, il club, qualora dovessero insorgere controversie, le valuterà nelle opportune sedi anche al fine di verificare la loro fondatezza, rilevanza, nonché ogni ulteriore aspetto tecnico. Si auspica, quindi, che eventuali problematiche siano affrontate nelle sedi e nei modi deputati e che non si utilizzi la stampa al fine di esercitare pressioni di qualsivoglia natura, essendo la Società pronta ad affrontare qualsiasi controversia con la necessaria serenità e determinazione.

Articoli Correlati