NARDO’ – Longo: “Mi aspetto un piccolo sforzo sul mercato”. Raponi: “Gruppo coeso e forte”

Il Nardò torna oggi al lavoro con un doppio allenamento. Alessandro Longo, tecnico granata, pensa già alla prima del 2012, in trasferta a Gaeta: “Dobbiamo arrivare a Gaeta in buona condizione. Siamo ancora in rodaggio, ma lo scorso luglio, il nostro ds Gianni Inguscio riuscì a mettere su una squadra in poco tempo. Esiste però una bella differenza: la prima doveva fare 42 punti per la salvezza, alla seconda invece di punti ne bastano 10”.

Differenze tra il Nardò di inizio anno e quello attuale: “Difficile fare un confronto. Quello di inizio anno è stato costruito spendendo la metà rispetto allo scorso anno. La squadra attuale invece è stata fatta con la metà della metà. La prima squadra doveva fare punti salvezza e invece si trova molto in alto in classifica. Ora siamo a tre punti dalla vetta, ma rimaniamo realisti. Il gruppo attuale è voglioso, io ho fiducia, anche se mi aspetto un ritocco. Gianni Inguscio saprà accontentarmi”.

La trasferta di Gaeta: “Lavoreremo sodo con i miei preparatori Negri e Mazzotta. Il Gaeta è il nostro unico pensiero”.

A Gaeta ci sarà anche il nuovo innesto, ritornato a Nardò dopo l’esperienza a Maglie, Uriel Raponi: “Rimanere a Maglie era davvero difficile. Sono qui a Nardò un club che sta comunque attraversando problemi che spero si risolvano presto. Conservo un ottimo ricordo del mio anno qui a Nardò. Ora conto di firmare a breve il trasferimento”.

Squadra compatta: “La crisi ha fatto sì che in molti lasciassero il club. Ho trovato comunque la maggior parte dei dirigenti e il tecnico di due anni fa. Abbiamo gente come De Razza e Giannuzzi che possono fare bene. Andremo a Gaeta per giocare contro una squadra dura da affrontare”.

Articoli Correlati