Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

GALLIPOLI – Niente Taranto per i sostenitori giallorossi. Cardellini: “Non solo prestazioni, servono punti”

Il Gallipoli, domani, dovrà provare la mission impossible allo “Iacovonesenza il sostegno dei suoi tifosi. Un’ordinanza della Prefettura di Taranto, infatti, ha disposto il divieto di vendita dei tagliandi per assistere al match tra giallorossi e rossoblù ai residenti nella provincia di Lecce. Bissato, dunque, il provvedimento già adottato in occasione della gara di Coppa Italia del 28 ottobre scorso. Alla vigilia del derby, è il presidente del Gallipoli, Tony Cardellini, a caricare ulteriormente l’ambiente: “È una partita sentita come è sempre stato quando ci incrociamo con il Taranto, una piazza calcistica di assoluto prestigio, perché rappresenta un momento di confronto sportivo straordinario, questa è una motivazione in più per fare bella figura e giocare una partita aperta, che ci possa dare soddisfazioni. Vado a valutare le ultime partite, mi riferisco a quelle giocate in trasferta, e dico che non ci basta più giocare bene, vogliamo che alle prestazioni positive facciano seguito punti”.

Il gruppo di Germano è genuino e coeso ma, alla riapertura del mercato, dovrà essere ritoccato per provare a centrare la salvezza. “C’è la necessità di intervenire e potenziare la rosa – ammette Cardellini , è un’esigenza che è emersa in questa prima parte della stagione, di cui la società è conscia, ci stiamo organizzando per sopperire alle carenze evidenziate. Ci sono in atto contatti concreti per portare in squadra quattro giocatori di una certa rilevanza, esperti e ottimamente funzionali per quelle che sono le nostre esigenze tecniche”.

Infine, il numero uno del Gallo elogia la sinergia venutasi a ricreare tra squadra e tifosi: “Il loro riavvicinamento ha stravolto in positivo tutto l’ambiente, come forse non accadeva da tempo. E’ sorprendente ma è così, lo si nota per l’atmosfera che stiamo vivendo in questi giorni, c’è il contatto quotidiano, la squadra è osservata anche in allenamento, il mister e i ragazzi sentono il calore e il fiato di chi vuole che il calcio gallipolino continui ad andare avanti e continui a regalare soddisfazioni”.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment