GALLIPOLI – Barone: “Società gestita da dilettanti allo sbaraglio, la smettano di infangare il titolo della città”

barone marcello

Foto: Marcello Barone - @bysam.it

Chiamato in causa dal duro attacco degli attuali vertici del Gallipoli, l’ex presidente giallorosso Marcello Barone non ha tardato a replicare alle accuse, puntualizzando sui diversi aspetti riportati nel comunicato della dirigenza ionica. “Partendo dal presupposto che le cifre a cui si fa riferimento sono tutte sballate – ha esordito – , crediti e debiti, al momento della cessione, sono stati scritti sia sul preliminare d’acquisto che sul contratto. Una srl non si rileva al buio: qualsiasi società di questo tipo è regolata da disposizioni ben precise. Il loro commercialista, inoltre, ha visionato i libri contabili in cui è riportata la reale situazione; in qualsiasi momento, comunque, i documenti ufficiali sono a disposizione per chiunque voglia vederli. Queste persone non devono permettersi di gettare ombre sull’operato di Barone né su quello dell’avvocato Zinnari”.

È un fiume in piena l’ex numero uno del Gallipoli, che rincara la dose: “Questi signori sono degli sprovveduti, o forse sono troppo furbi perché vogliono scaricare le colpe dei disastri che loro hanno combinato su Barone. Le vertenze dei calciatori che arriveranno riguarderanno tesserati della loro gestione, non certo della mia. Sotto la mia gestione tutti i calciatori, staff e collaboratori sono stati interamente saldati. Questo continuo arrampicarsi sugli specchi dimostra come l’attuale società sia stata portata avanti da dei dilettanti allo sbaraglio. Io ero intestatario delle quote societarie del Gallipoli, mi domando: perché loro le hanno intestate ad un prestanome? Evidentemente, quello di far fallire il Gallipoli, era un progetto premeditato. Da Calvi e Cataldi, del resto, non mi aspettavo nulla in quanto sono persone subdole, ma da Quintana mi sarei aspettato una maggiore serietà. Perché, piuttosto, non iscrivono la squadra al campionato e poi la consegnano al sindaco? Questi signori la smettano di raccontare falsità e non infanghino il titolo del Gallipoli”.

Infine, Barone chiosa su un suo coinvolgimento per l’immediato futuro: “Non voglio fare il presidente né riprendere la società, ma davanti ad un progetto serio e qualificante Barone, da gallipolino e da tifoso, è sempre pronto a dare non una ma due mani alla squadra”.

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati

Lascia un commento