CASARANO – Calabro alza la voce: “Basta torti arbitrali”

CASARANO – La Virtus Casarano guarda decisa ai playoff. Proprio in questa prospettiva si prepara a meglio per arrivare al top della condizione fisica e mentale, recuperando uomini e energie. Non solo quello però. In casa rossazzurra, si auspica vivamente che gli spareggi si svolgano in maniera regolare dal punto di vista arbitrale. Ergo, la catena di presunti torti subiti, specie nel girone di ritorno, proprio non sono andati giù. Anche perchè, conti alla mano, quei punti persi avrebbero potuto cambiare il volto al campionato della Virtus. Ne parla il capitano Antonio Calabro.

Domenica scorsa, contro l'Arzanese, avete disputato una delle più belle prestazioni stagionali. E' d'accordo?
"E' stata una bella partita, ben giocata da parte nostra, in cui volevamo dimostrare di non essere inferiori alla prima della classe e lo abbiamo fatto direi nettamente: Certo, al di là dei nostri errori e di non chiudere le partite quando possiamo farlo, qualcosa di più potevamo ottenere".

Cosa vuol dire?
"Voglio dire che anche contro l'Arzanese, per l'ennesima volta, ci ha messo lo zampino qualche decisione arbitrale discutibile. Mi riferisco al gol validissimo non concesso a Da Silva, nel primo tempo, e al fallo da rigore subito dal brasiliano e non sanzionato".

Perchè parla di ennesima volta?
"Perchè in tredici, quattordici gare, abbiamo subito dieci situazioni a noi sfavorevoli, in maniera ingiusta. Con Pomigliano, Ischia e Trani ci siamo ritrovati in dieci uomini, con il Fortis Murgia abbiamo subito un rigore che non c'era, a Nardò ci hanno annullato una rete regolarissima allo scadere, contro il Francavilla sul Sinni siamo stati succubi di un arbitraggio scandaloso che non ha sanzionato l'atteggiamento degli avversari espellendo il nostro tecnico Caracciolo. Senza contare Gaeta. Per finire contro l'Arzanese".

Cosa chiedete alla luce di quanto accaduto?
"Chiediamo semplicemente che in campo vinca la formazione migliore, chi merita di aggiudicarsi la partita e non chi ha ricevuto qualche vantaggio da decisione arbitrali discutibili. Non credo nella malafede dei direttori di gara, sia ben chiaro, però quando gli errori sono ripetuti, oltre a dare fastidio, si subisce un danno in termini di punti e di classifica. Chiediamo più attenzione, rispetto e arbitraggi all'altezza della situazione".

Cosa pensa del brutto dopopartita di domenica scorsa?
"Tutti questi episodi sono da condannare, è ovvio ma posso anche dire che i calciatori campani non sono stati dei santi, festeggiando in maniera plateale e rivolgendosi in maniera non adeguata e rispettosa ai nostri tifosi che si trovavano in curva e in tribuna, A proposito dei nostri tifosi: loro sono importantissimi per noi, uscire tra i loro applausi domenica scorsa è stato bellissimo e sono certo che ci saranno accanto, alla grande, anche nella prima gara dei playoff".

Articoli Correlati