Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

SERIE B – Verona e Benevento, la caduta delle big. Nesta e Lucarelli respirano

Tanti pareggi ma anche qualche importante colpaccio nel sesto turno del campionato di Serie B, torneo che sembrava aver trovato una squadra pronta ad andare in fuga e che invece è incappata nella sua prima sconfitta. Parliamo del Verona, battuto di misura a Salerno da una squadra reduce dall’imbarcata nel derby campano e che invece ha sorpreso gli scaligeri, incapaci di andare in gol per la prima volta in questo campionato. Non ne ha approfittato, però, il Pescara, che, in vantaggio di due reti al 90′, si è fatto rimontare dal Padova.

Se Sparta piange, Atene non ride. Al Benevento, assieme ai gialloblù veneti principale accreditata per la vittoria finale, non va certo meglio. Il Foggia si vendica infatti della sconfitta nella corsa-promozione datata Lega Pro 2016 e ne rifila tre a Puggioni conquistando un successo importante che porta i satanelli a un punto dopo oltre un mese passato in saldo negativo. Questi ko, uniti alle tante “x” di giornata, consentono al Lecce di restare nei piani alti, incalzando ancora il Cittadella pur venendo raggiunto da un ottimo Spezia, che ribalta il modesto Carpi in casa e vola in zona playoff. Muovono la classifica tutte le altre, compreso il Crotone che pareggia in extremis con il Brescia e soprattutto la coppia Perugia-Livorno, i cui tecnici dal glorioso passato, Nesta e Lucarelli, rischiavano grosso ma grazie ai pareggi con Cosenza e Venezia tornano a respirare.

Nel prossimo turno clou al Bentegodi con Verona-Lecce, senza dimenticare le altre due sfide da quartieri alti ovvero Palermo-Crotone e Pescara Benevento.