Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

TRICASE – Causio, esordio col botto: “Non osavo nemmeno immaginarlo. Sono galvanizzato…”

Presentatosi a Tricace con sulle spalle l’etichetta, talvolta scomoda, del “figlio d’arte”, Gianfranco Causio ha esordito nel migliore dei modi, realizzando una doppietta nel 2 a 0 al Carovigno, che ha lanciato la formazione di mister Errico al secondo posto in classifica, ad un solo punto dal Putignano. Causio ha scelto Tricase per rilanciarsi dopo un periodo in chiaroscuro a Monopoli: “Nel complesso bare ho avuto poco spazio – spiega – mentre credo che alla mia età, per crescere e migliorare, abbia bisogno di giocare con continuità. D’intesa con il mio procuratore, ho quindi accettato la proposta del Tricase, dopo aver avuto modo di apprezzare la bontà del progetto”.

E l’esordio, per la gioia dei tifosi rossoblu, è stato di quelli memorabili: Non osavo nemmeno immaginare un esordio tanto positivo – ammette l’attaccante – sono arrivato a Tricase con il morale basso in quanto con il Monopoli ho avuto ben poche opportunità per mettermi in mostra. La doppietta segnata domenica scorsa mi ha galvanizzato e mi aiuterà a dare il massimo. Ci tengo a ricambiare la fiducia che mi è stata accordata dalla società presieduta da Antonio Buccoliero”.

Un cognome, per il giovane Gianfranco, che inevitabilmente si rivela pesante: “Mio padre – racconta Causio ha avuto una carriera fantastica e quindi ogni paragone con lui è improponibile. Dovrò fare il mio cammino evitando di farmi condizionare dalla sua ombra. Tra me e lui, d’altro canto, le caratteristiche fisiche e tecniche sono opposte. Papà è altro 170 centimetri ed era un’ala destra vecchio stampo, capace di saltare l’uomo, io sono alto 190 centimetri e sono una prima punta”.