Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

OSTUNI – Marasciulo: “Penalizzati dal terreno di gioco”, Molentino: “Gravissimo quanto accaduto a Massafra…”

L’Ostuni torna da Massafra con un punto, frutto dell’1-1 maturato allo stadio Italia. Il neo allenatore Giacomo Marasciulo commenta: “Pur con solo tre giorni di allenamento siamo stati aggressivi e combattivi così come avevo chiesto alla squadra. Il terreno, con tante zolle, non ci ha permesso di svolgere il nostro gioco fatto di fraseggi e nel secondo tempo, non avendo la possibilità di palleggiare e ragionare, i ragazzi si sono trovati in difficoltà. Il Massafra è riuscito a pareggiare con un solo tiro in porta e c’era anche il fallo sul nostro portiere”.

Il massimo dirigente dell’Ostuni, Antonio Molentino, pone l’accento sull’accoglienza ricevuta dai supporter locali. “Quanto accaduto è gravissimo – racconta – , perché sono venute meno le regole fondamentali che dovrebbero essere rispettate sempre e osservate da tutti soprattutto nel calcio dilettantistico. A Massafra siamo stati aggrediti dalla tifoseria avversaria, riempiti di sputi e pietre. Al termine del primo tempo, l’arbitro è stato circondato e aggredito dai tesserati del Massafra, una situazione inaccettabile che non può più essere tollerata. La cattiva abitudine di circondare l’arbitro e proferirgli parole violente e minacciarlo va debellata. Sono veramente mortificato da dover rilevare tutto ciò, questo non è sport, non è calcio, ma solo violenza allo stato puro. Ringrazio di cuore tutti i miei collaboratori – conclude Molentinoe tesserati perché davanti a tutto questo non hanno reagito ed hanno assunto, come sempre, un comportamento professionale”.