NOVOLI – Tedesco, il bomber che non molla mai: “Annata inspiegabile ma abbiamo un grande gruppo e reagiremo”

"Volevo vincere il titolo capocannonieri, non lo nego. Speriamo che i miei gol siano funzionali al nostro obiettivo rimanente. Brindisi? Annata straordinaria ma davanti ad un Casarano così..."

tedesco-mino-novoli

Foto: Mino Tedesco

Lui domani pomeriggio non ci sarà. Novoli-Talsano, penultimo atto della stagione regolare, Mino Tedesco dovrà saltarlo per squalifica. Una partita da vincere, a tutti i costi. Lo impone la classifica. C’è un posto da guadagnare nei playoff. In caso contrario sarebbe fallimento. “Purtroppo è così – ammette il bomber brindisino -. “Ma, come dico sempre ai miei compagni e alla società, basta poco per recuperare la situazione. Bisogna solo stare sereni.

Un match che vivrà su motivazioni diverse e contrapposte. Il Talsano, dopo una prima parte di stagione straordinaria, ha avuto un tracollo nel girone di ritorno, che lo ha fatto sprofondare in piena zona playout. Una brutta gatta da pelare per gli uomini di mister Epifani. “Anche il Talsano ha l’obbligo di vincere, sarà una gara molto delicata. Le sensazioni sono buone: la squadra sta bene e arriva in forma. Vogliamo cancellare la sconfitta con la Deghi e di solito, dopo ogni scoppola, abbiamo dimostrato di saper reagire, mettendo in fila dei risultati importanti”.

Una stagione molto al di sotto delle aspettative. Il giudizio, quasi unanime, degli addetti ai lavori, propendeva per una vittoria del campionato da parte dei rossoblù. Le cose sono andate molto diversamente. Un cammino altalenante, un potenziale mai veramente espresso, pochi acuti, distacco abissale dalla capolista Ugento. “Sono annate che non ti spieghi. Fin da subito ci siamo resi conto di avere qualcosa in più, ma il campo ha detto qualcosa di diverso. Con questa squadra dovevamo giocarcela almeno fino alla fine. Ma non tutto è perduto e soprattutto, a prescindere dal risultato sportivo, una vittoria è già arrivata. “Dopo un’annata così, il rischio è quello di arrivare nello spogliatoio e di non volersi nemmeno più guardare in faccia. E invece, dopo un anno trascorso con questi ragazzi, posso tranquillamente affermare che si è formato un grande gruppo, composto da bravissime persone, con le quali il rapporto si è consolidato anche al di fuori del campo”.

Domani il Talsano e poi il Brilla Campi. I due ostacoli sul cammino verso i playoff. In caso di qualificazione, quale squadra non vorrebbe incontrare Mino Tedesco? “Se lo spareggio è in casa nostra, allora l’avversario è indifferente. In trasferta, il Taurisano. Fino a ora tredici gol per lui in campionato e secondo posto nella classifica marcatori, alle spalle di Giorgetti, che di reti ne ha segnate diciotto. Come giudica il proprio rendimento? “Volevo vincere il titolo, non lo nego. Speriamo almeno che i miei gol siano funzionali a conquistare l’obiettivo che ci rimane”. E, infine, un pensiero per il suo Brindisi. “Resto un tifosissimo di questa squadra. Credo che abbia disputato un’annata straordinaria, ma più di così era impossibile fare: davanti aveva un Casarano super”.

Articoli Correlati