MANDURIA – Calò attende la Salento Football: “Rispetto per tutti, paura di nessuno”

calo massimiliano manduria

Foto: Massimiliano Calò

Vincere. È questa la parola d’ordine in casa Manduria. I tre punti mancano da troppo tempo, dalla terza giornata. La voglia di rivalsa è tantissima. Nell’ambiente la convinzione è forte, d’altra parte la squadra si sta esprimendo bene. Anche domenica scorsa, a Galatina, i biancoverdi non hanno sfigurato al cospetto della prima della classe. E questo pomeriggio la squadra di mister Cosma se la vedrà con un cliente non facile, la Salento Football Leverano di bomber Quarta.

Due punti in più in classifica per i leccesi. In realtà sarebbero cinque, considerata la sconfitta a tavolino con l’Ostuni. Anche per la squadra di mister Colagiorgio non è un momento idilliaco. Troppi alti e bassi, che rischiano di rovinare i piani d’inizio stagione. Si affronteranno due squadre alla ricerca della svolta.

Assenze pesanti in casa Manduria: i biancoverdi saranno privi di Mero, Mancuso, Riezzo, Caforio e Marinotti. Chi invece sarà della partita è Massimiliano Calò, the wall, uno dei migliori centrali difensivi in circolazione. Il calciatore manduriano spiega che partita si aspetta. “La Salento Football Leverano è una squadra esperta, con giocatori di categoria superiore e di esperienza. E il fatto che stia in quella posizione di classifica dimostra che può lottare per un obiettivo importante. Ma noi non siamo da meno, ce la giochiamo con tutte. La partita con il Galatina ne è la riprova. Non meritavamo di perdere, il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto”.

Calò torna, poi, sul momento che sta vivendo la squadra. “È un periodo particolare, stiamo giocando bene, ma i risultati non arrivano. Manca un po’ di lucidità sotto porta e anche un po’ di fortuna. Non so darmi una spiegazione logica di tutto ciò, probabilmente se vincessimo qualche partita di fila acquisiremmo più fiducia e consapevolezza dei nostri mezzi. Abbiamo un filotto di partite molto impegnative, vincerle ci darebbe la possibilità di rientrare nel discorso playoff.

Calò avrà un cliente scomodo, Luciano Quarta, mentre De Benedictis dovrebbe partire dalla panchina. Ma la diga difensiva manduriana mostra di non avere troppe preoccupazioni. Rispetto tutti ma non temo nessuno”.

Articoli Correlati

Lascia un commento