MANDURIA – A valanga col Botrugno nel nome della sportività 

Come da preventivo, la gara tra Manduria e Botrugno, giocata sul campo neutro di Sava, dura soli 45'. La formazione leccese, come noto già retrocessa da tempo, onde evitare la radiazione e salvare il titolo sportivo al fine di potersi iscrivere alla prima categoria nella prossima stagione, scende in campo per il solo primo tempo e, a norma di regolamento, lascia che il direttore di gara sancisca la fine dell'incontro anzitempo.

Nel Manduria si rivede in panca Malagnino, mentre Passariello concede a Marchi una ventina di minuti per riprendere il ritmo gara. Troppa la differenza di passo tra le due squadre. Il Manduria ha il ritmo gara nelle gambe, mentre il Botrugno è una simpatica pattuglia di ragazzi ai quali va ascritto il merito di giocare in scioltezza, senza sofismi tattici, per l'unico obiettivo, quello, per l'appunto, di salvare il titolo. Ancora sulla fascia destra imperversa e dai suoi piedi partono i lanci in area dal secondo dei quali nasce il primo gol, con deviazione di testa di D'alconzo che rompe l'equilibrio di partenza. La difesa ospite è improvvisata e per Scala, al 5', è un gioco da ragazzi deviare nel sacco sul secondo palo, sull'uscita del simpaticissimo portiere leccese, Bene.
Proprio lui si oppone efficacemente col corpo, appena un minuto dopo il raddoppio, su bomber Peluso, deviando la palla in angolo.

Peluso si rifà all'8' , su azione di rimessa, mentre Scala, su azione d'angolo, devia di prima intenzione e fa quaterna.
Il Botrugno si fa vivo dalle parti di Fiorentino al minuto 14 con Stifani che, dal vertice destro dell'area, chiama il portiere di casa alla parata non difficile. Al 22' , con il baricentro troppo alto, il Botrugno è scoperto dietro e per Scala e Peluso è un gioco da ragazzi dialogare in velocità ed insaccare due contro il solo portiere ospite. Palla al centro e accade ciò che non ti aspetti. Il Botrugno guadagna punizione dalla destra. Battuta tesa verso il limite dell'area di Negro, deviazione all'indietro e Malorgio s'inventa un tiro di collo pieno che termina all'incrocio dei pali, alla destra dell'incolpevole Fiorentino, che proprio non ci può arrivare. Il pubblico manduriano, in ogni caso, applaude senza alcuna ironia i ragazzi giallorossi che, da notare, sono riusciti nell'impresa di violare la porta biancoverde, imbattuta da quattro gare consecutive.

La rimanente parte della frazione vale solo per le statistiche, con i gol di Cocciolo, De Florio e Peluso, doppiette per loro, inframmezzate dalla rete di Mancuso. A fine gara, mentre il Manduria, agli ordini di Passariello, ha dato inizio ad una partitella di allenamento, evidenziamo il clima goliardico e sentitamente sportivo dei ragazzi del Botrugno, che, nel proprio spogliatoio, cantavano e scherzavano come se avessero vinto la gara.

Il portiere ospite, Bene, si è anche avvicinato ai tifosi biancoverdi, ringraziandoli personalmente per l'incoraggiamento ricevuto. Tutte immagini, queste, che forse devono ricordare un po' a tutti che è sempre e comunque una partita di calcio, anche quando perdi subendo undici reti.

***

MANDURIA – BOTRUGNO 11-1 (sospesa al 46'pt)

MANDURIA: Fiorentino (30' Quitti), Ancora, Coccioli, Ferrara, De Florio, Calò (26' Marchi), D'alconzo, Cocciolo, Peluso, Perlangeli, Scala (29' Mancuso). A disposizione: Dimitri, Dell'aquila, Spadavecchia, Malagnino. Allenatore: Passariello”
BOTRUGNO: Bene, Portaluri, Malorgio, Manni, Stifani, Petracca, Paiano, Negro, Mariano, Ponzetta, De Icco. A disposizione: nessuno. Allenatore: Colluto
ARBITRO: Tomasi di Taranto
Angoli: 4 – 0 per il Manduria
RETI: 2 Perlangeli (MAN), 5' Scala (MAN), 8' Peluso (MAN), 12' Scala (MAN), 22' Peluso (MAN), 23' Malorgio (BOT), 26' Cocciolo (MAN), 27' Peluso (MAN), 29' Mancuso (MAN), 35' De Florio (MAN), 38' Cocciolo (MAN) e 45' De Florio (MAN)
NOTE: giornata dal clima quasi estivo. Spettatori 100 circa. Recupero: 1' pt.

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati