PROMOZIONE – Maglie e Manduria nei guai, respirano Mesagne, Copertino e Carovigno: il punto

Fasano praticamente in Eccellenza, si aspetta solo la matematica. Aradeo, Ostuni e Tricase dovrebbero disputare i playoff, resta un posto per quattro squadre

manduria

A Fasano possono cominciare a preparare le bottiglie: per i festeggiamenti è, ormai, solo questione di tempo. I brindisini asfaltano il Tricase, azzerando le ultime, flebili, speranze rossoblù di rientrare nella corsa al titolo. I leccesi scivolano addirittura al quarto posto, a -13 dalla vetta, scavalcati dall’Ostuni, tornato a vincere dopo la batosta di Aradeo. E a proposito di Aradeo, la squadra di mister Politi deve essere in vena di regali, visto che ha consentito il ritorno alla vittoria a una squadra, la Salento Football, che non vinceva da sette turni. L’Aradeo resta secondo, ma a -11 dal Fasano e con un non rassicurante +1 sull’Ostuni. Per l’ultimo posto nei play off è ora lotta a tre tra Uggiano, Brindisi e Lizzano. In coda, sempre più critica la situazione di Grottaglie e Castellaneta, punti pesanti per Carovigno e Copertino, il Mesagne vince lo scontro diretto col Manduria e si porta fuori dalla zona rossa della classifica, inguaiando i biancoverdi, ora risucchiati in piena zona play out.

E a margine della sconfitta di Mesagne, mister Passariello ha rassegnato le dimissioni. In queste ore la società presieduta da Giuseppe Spadavecchia sta vagliando il nome del possibile sostituto. Giornata senza nessun pareggio, ed è la prima volta in stagione: cinque le vittorie in casa contro le tre esterne. Ventidue le reti complessive. Tutto invariato in cima alla classifica marcatori, dove continuano a comandare Scarcella e De Comite. I numeri, sono, di solito, lo specchio della stagione e ci dicono che il Fasano è la squadra dei record: miglior attacco, con cinquantacinque centri all’attivo, miglior difesa, con diciassette reti al passivo, maggior numero di vittorie, diciassette, minor numero di sconfitte, tre. A fare da contraltare ci pensa il Grottaglie: peggior attacco, con quindici gol segnati, solo tre vittorie e record di sconfitte, quindici. La difesa più perforata è quella del Castellaneta, con quarantacinque reti subite.

Mister X resta il Copertino, dieci i pareggi complessivi. Contro il Tricase, il Fasano infila il tredicesimo risultato utile consecutivo, dodicesima vittoria in tredici gare. Al “Vito Curlo” finisce 4-0: partita già messa in ghiaccio nel primo tempo, grazie ai gol di Serri, Amodio e Anglani, nella ripresa arriva il sigillo di Longo. La Salento Football sbanca il comunale di Aradeo grazie a una rete di Carlà nella ripresa. L’Ostuni rialza subito la testa e liquida la pratica Castellaneta con un secco 3-0, firmato Tidiane, Minenna e Satalino. Pesante stop per l’Uggiano, che cede in casa al Carovigno per 1-0: decide una rete di Lanzillotti. Periodo no per il Brindisi, capace di conquistare solo due punti nelle ultime quattro giornate. A Lizzano la squadra di mister Nobile perde 2-0 e si fa appaiare in classifica proprio dai rossoblù: Nazaro sblocca sul finale di primo tempo, D’Ettorre mette il sigillo alla gara nella ripresa.

Importante vittoria, in chiave salvezza, per il Massafra, che s’impone, in casa, per 2-1, sul fanalino di coda Grottaglie: doppio vantaggio biancorossi con Radicchio, su rigore, e Novellino dopo appena dieci minuti di gioco, il gol della bandiera ospite, con Riformato giunge a tempo, ormai, abbondantemente, scaduto. Il Mesagne cala il tris sul Manduria: match già chiuso nel primo tempo, grazie al rigore di Di Santantonio e alla doppietta di Mummolo, nella ripresa l’inutile rigore di Scarciglia. Goleada del Copertino a Maglie: Rizzello, un autogol di Solidoro, Frisenda e Renis firmano il poker rossoverde.

Articoli Correlati