GALLIPOLI – Il Gallo non c’è e il Massafra ne approfitta

Il Massafra supera per 2 a 1 un Gallipoli lontano parente della squadra ammirata nelle ultime uscite; una gara molto tattica, con ritmi bassi, con lo spettacolo che per lunghi tratti risulta assente ingiustificato allo Stadio Italia; i ragazzi di Vitti vedono premiata la loro organizzazione e aggressività, per Bray, molto arrabbiato a fine gara, il compito di capire come mai questa squadra toppa quando è chiamata a dare prova di maturità.

Dopo sessanta secondi lo spauracchio numero uno, Piccolo, viene lanciato dal sinistro sempre preciso di Boccuni e prova a spaventare gli jonici con un diagonale che passa però molto lontano dallo specchio. Al 24' a provarci è Coronese che controlla dal limite, ma la sua conclusione manca di convinzione facilitando l’intervento di Stanca. L’unico guizzo del Gallo è al 33' quando Nobile largo sulla sinistra crossa in area un pallone interessante per De Prezzo, sbilanciato in modo regolare da Boccuni che gli impedisce di calciare verso la porta. Al minuto 43 Turi partito largo, sfida Trianni saltandolo, il suo destro non sembra irresistibile ma il tocco imprudente di Casalino beffa Stanca che sembrava ben posizionato. Doccia fredda per i giallorossi, che accusano il colpo e si complicano ulteriormente la vita da soli: passa un minuto, Luccarelli recapita in mezzo un pallone morbido, la retroguardia ospite ferma e distratta, lascia D’Ippolito indisturbato a colpire in tuffo da due passi. Notte fonda sul Gallipoli in una giornata nera come i nuvoloni che incombono su Massafra.

Nel secondo tempo Bray cerca di trasformare la squadra gettando nella mischia Mitri e Migali per un Gallo a trazione anteriore: al decimo proprio il fantasista molisano dalla bandierina Legari si inserisce prendendo il tempo a tutti e con un tocco acrobatico accorcia le distanze. Seconda marcatura del centrocampista dopo il gol nella gara d’esordio a Carovigno. Dovrebbe essere il segnale della riscossa ed invece a parte qualche timido tentativo e un predominio territoriale è ancora il Massafra a rendersi pericoloso con, nemmeno a dirlo, lo sgusciante Turi che costringe Casalino ad un salvataggio provvidenziale. Al minuto 33 ancora il difensore protagonista nell’area opposta, ma di testa non riesce ad inquadrare lo specchio della porta di Tumminia. Giallorossi protesi in avanti lasciano praterie per le ripartenze avversarie: 39' Turi lancia Piccolo e ci vuole un super Stanca che esce a valanga per tenere in corsa i suoi. Risposta immediata con Spada che è lesto a metter giù al limite ma il suo sinistro viaggia alto. Al 41' Piccolo rinnova il duello con Stanca, a vincerlo ancora l’estremo difensore giallorosso che si tuffa alla sua destra e neutralizza.

Termina qui una gara che lancia il sorprendente Massafra al secondo posto; per il Gallipoli la necessità di capire il perché di questo approccio sbagliato alla gara dopo diverse buone prestazioni. Domenica incombe il Crispiano.

***

MASSAFRA – GALLIPOLI 2-1
Reti:
Turi al 43’ pt, D’Ippolito al 44’ pt, Legari al 10’ st.
MASSAFRA: Tumminia (Marzia dal 48’ st), Boccuni (Serra dal 11’ st), Luccarelli, Coronese, Salvi, Macaluso, D’Ippolito, Lazzaro, Piccolo, Perrone (Aurelio dal 18’ st), Turi. All. Vitti.
GALLIPOLI: Stanca, Trianni (Mitri dal 1’ st), Vincenti, Pellegrino, Greco, Casalino, Romano, Legari, Nobile, De Prezzo (Spada dal 35’ st), Renis (Migali dal 1 ‘st). All. Bray (squalificato).
Arbitro: Pedarra di Foggia.
Ammoniti: Boccuni, Macaluso, Luccarelli, Mitri, Vincenti, Legari, Turi, Piccolo, Serra.
Espulsi:

Luigi ALEMANNO
Giornalista pubblicista dal 2011, vicedirettore di SalentoSport.net. Responsabile della redazione sportiva di Teleonda dal 2009 al 2012, corrispondente per Piazzasalento dal Comune di Gallipoli dal 2012 al 2014, responsabile della comunicazione per la S.S.D. Gallipoli Football 1909 Srl dal 2012 al 2015.

Articoli Correlati