Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

VIRTUS FRANCAVILLA – Un guizzo di Sarno e tanta sfortuna, biancazzurri ko di misura con il Foggia

Non basta la volontà, un grande pubblico e un ottimo finale di gara alla Virtus Francavilla per evitare il primo ko del campionato con il Foggia, che espugna il “Giovanni Paolo II” per 0-1 e raggiunge il Lecce al primo posto. L’undici di Calabro è timido per gran parte del match, ma regge senza patemi il confronto prima che una serie di episodi sfortunati, tra errori individuali e legni colpiti, spalancassero ai rossoneri le porte dei tre punti. A causa della sconfitta, i biancazzurri restano fermi a quota quattro in graduatoria, con una partita ancora da recuperare.

I primi quarantacinque minuti registrano, nella loro parte iniziale, due squadre intente a studiarsi, pur non disdegnando saltuarie sortite in zona-goal. Le prime due occasioni sono di marca ospite ed arrivano entrambe con conclusioni dalla distanza: all’ottavo Angelo, servito da Gerbo, si produce in un tentativo troppo centrale per impensierire Albertazzi, mentre due minuti più tardi è lo stesso Gerbo ad andare al tiro dai trenta metri, lambendo il palo alla destra del numero 1 biancoceleste. Nei minuti successivi il Foggia, dopo il discreto avvio, prova ad avanzare il suo raggio d’azione, complici le difficoltà della Virtus nell’accelerare superata la trequarti. Al 18′ bella ripartenza rossonera orchestrata dal solito Gerbo bravo nel servire Angelo, il cui esterno destro da buona posizione sorvola di non molto la traversa. I locali respingono bene i tentativi foggiani di metà primo tempo, e provano a loro volta a far quadrare l’imprecisa manovra per farsi vedere dalle parti di Guarna. Il portiere foggiano è chiamato in causa per la prima volta alla mezz’ora, quando è chiamato in causa dal colpo di testa di Abate su cross di Vetrugno, comunque troppo centrale per risultare pericoloso. Lo stesso Abate si ripete cinque minuti dopo, ma il pretenzioso mancino al volo da posizione defilata del numero 27 francavillese è alto sopra la traversa. Al 43′ brividi per la porta difesa da Albertazzi, quando il mancino a giro di Padovan sorvola il sette. E’ l’ultima azione degna di nota di una prima frazione molto combattuta, ma decisamente poco emozionante.

Nel secondo tempo, la Virtus Francavilla sembra essere scesa in campo con un piglio diverso, più propositivo, ma al quinto minuto i tifosi locali vengono gelati da Sarno: il 10 rossonero, lasciato libero sulla destra, rientra sul suo piede preferito, il mancino, e lascia partire un tiro teso sul secondo palo che, aiutato da un rimbalzo che inganna Albertazzi, si insaccca nell’angolino basso. l 13′ accenno di reazione biancoceleste con un colpo di testa di Abate, che impatta bene il cross del neoentrato Gallù ma devia al lato. Al quarto d’ora clamorosa occasione per il raddoppio ospite sulla testa di Rubin, che da due passi manda sulla traversa il corner di Sarno. Il gol sembra aver dato ulteriore smalto ad un Foggia che, pur incontrando difficoltà negli ultimi venti metri, appare comunque padrone del gioco, favorito dalla latitanza della reazione da parte dei salentini. Nella fase migliore degli ospiti, la Virtus va a pochi centimetri dal pari: al ventisettesimo De Angelis protegge bene palla, si gira e di destro calcia a botta sicura, ma un intervento super di Guarna e il palo negano al bomber locale la gioia del gol. Alla mezz’ora pronta risposta foggiana ancora con Sarno, che si produce in un’azione fotocopia rispetto a quella del gol, ma stavolta la sua conclusione non sorprende Albertazzi. Al 40′ la sorte si abbatte contro la Virtus Francavilla, quando l’ennesimo cross di Triarico trova la deviazione di testa di Abate che centra in pieno la traversa. Sugli sviluppi dell’azione Finazzi ci prova dal limite, ma il portiere rossonero è strepitoso nella risposta in calcio d’angolo. Al 43′ De Angelis al tiro dal limite, con la palla che si perde di poco al lato. Nel recupero la Virtus schiaccia comprensibilmente gli avversari nella propria area di rigore, anche se l’unica palla gol è appannaggio del Foggia con Padovan, sul cui colpo di testa a pochi metri dalla porta avversaria è bravissimo Albertazzi. Il forcing finale non basta ai ragazzi di Calabro, costretti ad arrendersi di misura ai più quotati rossoneri pur senza demeritare.

Nel prossimo incontro, in programma domenica alle 14.30, la Virtus Francavilla sarà ospite dell’Akragas.