LEGA PRO – Quarant’anni dopo di nuovo con il Lecce per cercare la prima vittoria: il Siracusa di Sottil

siracusa siciliasportnews

Foto: Una formazione del Siracusa 2016/2017 (@siciliasportnews)

La sfida tra Siracusa e Lecce inaugurerà la sesta giornata di campionato ed è attesa come un vero e proprio testa-coda. Di fronte si trovano infatti gli aretusei penultimi in classifica, che mister Sottil sta cercando in tutti i modi di far risalire in classifica dopo un inizio balbettante, e i giallorossi di mister Padalino, secondi a -2 dalla vetta nonché protagonisti di un avvio di campionato da vera big. La sfida tra i due club nasconde tuttavia retroscena storici non indifferenti, visto che torna a disputarsi a distanza di quarantanni dall’ultima volta, e dopo essere state per decenni una grande classica della terza serie.

Fondato nel 1924 e risorto per due volte, prima nel 1937 e poi nel più recente 2013, il Siracusa Calcio ha sempre rappresentato al meglio il football della città siciliana nei campionati professionistici o semi-professionistici, incontrando qualche difficoltà solo in epoca contemporanea, che lo ha visto sprofondare per un totale di 22 stagioni tra Serie D e tornei regionali. Il passato degli azzurri parla però di 7 campionati di Serie B disputati nel secondo Dopoguerra, a cui hanno fatto seguito 45 tornei (incluso quello in corso) in Serie C che rendono il Siracusa una delle realtà più presenti nella categoria, con davanti solo otto club tra cui il Lecce. Ecco spiegato perché quello tra siciliani e salentini è uno dei match più disputati, che ha avuto luogo quasi ininterrottamente tra il 1924 e il 1976. In totale i precedenti sono 48, con il Lecce in leggero vantaggio per 18 vittorie a 16, mentre i pareggi sono stati 14. Meno fortunato il bilancio dei salentini nella città della Sicilia Orientale, dove i successi giallorossi sono stati appena 4 contro i 12 azzurri (8 i pareggi). L’ultimo precedente al “De Simone”  ha visto però sorridere il Lecce (che ha vinto anche l’ultimo incrocio assoluto nel girone di ritorno dello stesso campionato), che esattamente quarant’anni fa guidato da Mimmo Renna vinse per 1-4, lanciandosi verso la conquista della Serie B. Ultimo successo siracusano (1-0, autogol di Zoff), invece, nell’ultima giornata della stagione precedente.

Dopo una lunga astinenza per meriti del Lecce, più che per demeriti degli avversari, le due squadre tornano a misurarsi, potendo contare ancora una volta sul palcoscenico della terza serie. Tornato in Lega Pro dopo l’ultimo fallimento (che seguì ai due anni di Prima Divisione datati 2011 e 2012, con il leccese Mancosu grande protagonista), il Siracusa è risalito in fretta dall’Eccellenza, vincendo la Serie D alla prima occasione e cercando ora conferme anche nel ritrovato professionismo. Per la società del presidente Cutrufo non sarà impresa facile, ma nella città del Mediterraneo Centrale non manca certo l’entusiasmo.

Per conquistare l’impresa della permanenza nella categoria è stato confermato un tecnico che solo due anni fa riuscì a realizzarla con la Paganese, ovvero Andrea Sottil. Protagonista dell’ottima passata stagione, l’ex difensore di Torino e Udinese punta molto su una squadra esperta, con calciatori di categoria ma anche con tanti elementi giovani e veloci che li consentono di applicare un gioco vivace ed offensivo. L’inizio non è stato dei migliori, tant’è che se non fosse per la penalizzazione inflitta al Catania, ora la squadra si troverebbe ultima, ma è anche da considerare che spesso gli azzurri hanno raccolto meno di quanto seminato, mettendo in difficoltà nonostante la sconfitta compagini del calibro di Foggia e Juve Stabia.

In sede di campagna acquisti, la società ha optato per non stravolgere la rosa che aveva dominato il girone I della Serie D un anno fa, integrandola comunque con elementi di categoria. Tra i pali dal Melfi è arrivato Santurro, mentre in difesa si registrano gli acquisti del navigato Turati, di Filosa e di Diakitè. Soprattutto conferme nel centrocampo guidato dall’immortale Baiocco, mentre in attacco assieme all’ivoriano Dezai, ecco Talamo dal Latina, De Respinis dal Santarcangelo e Fella dal Bassano.

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già collaboratore de Il Giornale di Puglia, il Corriere dello Sport e, dal 2013, redattore di SalentoSport.net.

Articoli Correlati

  • rizzo-coribello LECCE – Rizzo sul Catania: “Una squadra arrabbiata con Lodi a dettare i tempi”. Pacilli e Marino ok

    “Lavorare reduci da una vittoria aiuta sempre. Ripartiamo dalla prestazione offerta con il Trapani, di carattere, attenzione e determinazione”. Così Robertino Rizzo alla vigilia di Catania-Lecce, in programmi domani sera, in terra siciliana, con calcio di inizio fissato alle ore 20.30. “Questa mattina abbiamo svolto la rifinitura in Calabria – ha aggiunto – Pacilli e Marino…

  • magri-di-campi VIRTUS FRANCAVILLA – Magrì: “Polverone politico sulla questione stadio. Ora religioso silenzio”

    Il presidente onorario della Virtus Francavilla, Antonio Magrì, ha posto chiarezza col seguente comunicato sulla questione legata al “Giovanni Paolo II”. “Ancora una volta – si legge nella nota diffusa dal club biancazzurro – apprendo con stupore che una mia dichiarazione sulla questione stadio ha dato vita ad un polverone politico con diverse prese di…

  • bleve caputo LECCE – Doppio movimento di portieri: Bleve parte, blindato Chironi

    Movimento di portieri in casa Lecce. La società ha appena ufficializzato l’allungamento del contratto con Gianmarco Chironi, estendendolo sino al 30 giugno del 2020. Contestualmente i giallorossi hanno ceduto, a titolo temporaneo e con diritto d’opzione, il diritto alle prestazioni sportive di Marco Bleve alla Ternana Calcio. Per Bleve si tratta, quindi, di approcciarsi al…

  • Comunicato ufficiale Taranto TARANTO – Ufficio stampa e segreteria si rifanno il look

    Il Taranto prosegue l’opera di allestimento del nuovo organigramma societario, che si colora di rosa. A pochi giorni dalla presentazione ufficiale del tecnico e del direttore sportivo, la società presieduta da Elisabetta Zelatore annuncia gli arrivi di Ninni Cannella, in qualità di addetto stampa e della signora Mariagrazia Sigrisi, a capo della segreteria. A fargli…

  • caturano-salvatore-lecce-leccesetteIT LECCE – Meluso blinda Caturano: “Lo vogliono? Costa almeno due milioni”. Agostinone saluta

    Ancor prima dell’inizio del campionato, il Lecce è costretto a difendersi da un attacco avversario. Non parliamo di sfide sul campo bensì dietro la scrivania, poiché il neo retrocesso Pisa si è lanciato a capofitto alla ricerca di un attaccante il cui profilo risponde al nome di Salvatore Caturano. Il tecnico dei toscani Carmine Gautieri ha…