LEGA PRO 1/B – Il derby ed il rinvio di Nocerina-Lecce: l’ennesimo fallimento della “Tessera del Tifoso”

Gli avvenimenti che si sono succeduti negli ultimi anni, dall’aumento degli scontri fuori gli stadi alle tante proteste degli ultrà, sono culminati due settimane fa nell’ormai tristemente famoso derby di Salerno, che ha visto scritto il suo ultimo atto (in attesa di Paganese-Nocerina) nella giornata di mercoledì, quando il prefetto della città tirrenica ha rinviato la gara tra Nocerina e Lecce, prendendo una decisione dettata probabilmente dal caos generale e scegliendo, dunque, di non decidere.

La gara, che verrà recuperata con moltra probabilità il 18 dicembre, rischia di falsare un campionato già compromesso dalla pantomima a cui si è assistito in Salernitana-Nocerina, con i molossi che, salvo sorprese, torneranno a giocare domenica 1 dicembre un altro derby a Pagani dopo un mese, mentre alla fine dell’anno solare si troveranno a dover disputare tre gare, compreso il recupero con il Lecce, nel giro di sette giorni.

Eppure, quando nella stagione 2009-2010 si varò la “Tessera del tifoso”, il ministro Maroni dichiarò che situazioni complicate dovute ad intemperanze dei tifosi sarebbero scomparse dal mondo del calcio italiano nel giro di un paio d’anni. Alla fine del 2013 possiamo dire che il progetto della “Tessera” è senza alcun dubbio fallito, perché il suo unico esito lampante è stato il netto allontanamento della gente dagli stadi: dalle medie di oltre 27mila spettatori a partita di metà anni 2000, ai 24mila della stagione passata (fonte: stadiapostcards.com), per non parlare delle trasferte, il più delle volte vietate ai tifosi ospiti nonostante le norme varate da Maroni.

Nata con l’obiettivo di regolamentare l’accesso negli impianti sportivi, questa forma di fidelizzazione adottata dalle società di calcio è stata accolta sin da subito con estrema diffidenza sia dai tifosi più affezionati, che la vedevano come un tentativo di controllo estremo da parte delle autorità, sia dai tifosi meno assidui frequentatori degli stadi come le famiglie, che hanno visto enormemente complicarsi le modalità di acquisto di biglietti soprattutto per le gare in trasferta.

Nessuno poteva però immaginare che, a sei anni di distanza dalla nascita della “Tessera del tifoso”, quest’ultima si sarebbe dimostrata inutile anche a quegli organi che ne avrebbero tratto (si diceva) sicuramente giovamento, come questure e prefetture. Il risultato è davanti ai nostri occhi: tessera o non tessera, in un momento caotico come quello che si vive a Salerno in queste ultime settimane, il prefetto non è stato in grado di prendere una decisione sicura, non potendo disporre di strumenti in grado di evitare situazioni rischiose come la “Tessera”, si diceva, sarebbe dovuta essere.

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già collaboratore de Il Giornale di Puglia, il Corriere dello Sport e, dal 2013, redattore di SalentoSport.net.

Articoli Correlati

  • rizzo-coribello LECCE – Rizzo sul Catania: “Una squadra arrabbiata con Lodi a dettare i tempi”. Pacilli e Marino ok

    “Lavorare reduci da una vittoria aiuta sempre. Ripartiamo dalla prestazione offerta con il Trapani, di carattere, attenzione e determinazione”. Così Robertino Rizzo alla vigilia di Catania-Lecce, in programmi domani sera, in terra siciliana, con calcio di inizio fissato alle ore 20.30. “Questa mattina abbiamo svolto la rifinitura in Calabria – ha aggiunto – Pacilli e Marino…

  • magri-di-campi VIRTUS FRANCAVILLA – Magrì: “Polverone politico sulla questione stadio. Ora religioso silenzio”

    Il presidente onorario della Virtus Francavilla, Antonio Magrì, ha posto chiarezza col seguente comunicato sulla questione legata al “Giovanni Paolo II”. “Ancora una volta – si legge nella nota diffusa dal club biancazzurro – apprendo con stupore che una mia dichiarazione sulla questione stadio ha dato vita ad un polverone politico con diverse prese di…

  • bleve caputo LECCE – Doppio movimento di portieri: Bleve parte, blindato Chironi

    Movimento di portieri in casa Lecce. La società ha appena ufficializzato l’allungamento del contratto con Gianmarco Chironi, estendendolo sino al 30 giugno del 2020. Contestualmente i giallorossi hanno ceduto, a titolo temporaneo e con diritto d’opzione, il diritto alle prestazioni sportive di Marco Bleve alla Ternana Calcio. Per Bleve si tratta, quindi, di approcciarsi al…

  • Comunicato ufficiale Taranto TARANTO – Ufficio stampa e segreteria si rifanno il look

    Il Taranto prosegue l’opera di allestimento del nuovo organigramma societario, che si colora di rosa. A pochi giorni dalla presentazione ufficiale del tecnico e del direttore sportivo, la società presieduta da Elisabetta Zelatore annuncia gli arrivi di Ninni Cannella, in qualità di addetto stampa e della signora Mariagrazia Sigrisi, a capo della segreteria. A fargli…

  • caturano-salvatore-lecce-leccesetteIT LECCE – Meluso blinda Caturano: “Lo vogliono? Costa almeno due milioni”. Agostinone saluta

    Ancor prima dell’inizio del campionato, il Lecce è costretto a difendersi da un attacco avversario. Non parliamo di sfide sul campo bensì dietro la scrivania, poiché il neo retrocesso Pisa si è lanciato a capofitto alla ricerca di un attaccante il cui profilo risponde al nome di Salvatore Caturano. Il tecnico dei toscani Carmine Gautieri ha…