L’AVVERSARIO – Prestazioni altalenanti, a caccia degli ultimi punti-salvezza: l’Akragas di Rigoli

akragas logo

Dopo il passo falso interno con il Matera, il Lecce di Piero Braglia ha l’immediata opportunità di rifarsi davanti ai propri sostenitori già domani, quando riceverà al “Via del Mare” l’Akragas di Pino Rigoli. Classifica e motivazioni alla mano, la sfida non dovrebbe avere storia, visto che i giallorossi si giocano il primo posto e vengono da una sconfitta comunque immeritata ed in cui hanno creato tanto, mentre i biancazzurri, alla ricerca dei pochi punti che li separano dalla salvezza, non possono certo contare su una rosa di prim’ordine. La compagine siciliana le proverà comunque tutte per mettere i bastoni tra le ruote di Moscardelli e compagni, ed il risultato non deve apparire scontato vista anche l’imprevedibilità degli ospiti, protagonisti nel torneo in corso di diverse uscite a vuoto così come di numerosi exploit.

Lecce e Akragas si troveranno di fronte per la ventunesima volta, ed in tutte le occasioni precedenti la sfida ha avuto come contesto la terza serie nazionale. Il bilancio vede gli agrigentini in vantaggio con 9 vittorie a 8, mentre i pareggi sono appena 3. Lo score si sposta invece nettamente a favore dei leccesi se si considerano le sole gare disputate in Salento, con sei successi locali, due ospiti e due pareggi. L’ultima gara disputata al “Via del Mare” risale a ben cinquant’anni fa, e registrò il secco successo 3-0 dei giallorossi. L’unica vittoria esterna in campionato dell’Akragas avvenne invece nel 1965 e fu decretata dal giudice sportivo, che decise per lo 0-2 in favore dell’undici di Agrigento dopo la sospensione del match avvenuta a causa di un’invasione di campo dei tifosi leccesi. L’unico successo sul campo nei precedenti in trasferta per i biancazzurri coincide quindi con l’ultimo precedente assoluto: nel terzo turno della Coppa Italia di Lega Pro della stagione in corso, i ragazzi di Legrottaglie eliminarono quelli di Braglia vincendo di misura grazie al gol di Leonetti, e regalando al tecnico toscano quello che, fino ad una settimana fa, era l’unico dispiacere interno dal suo approdo sulla panchina giallorossa. Due settimane prima, invece, il Lecce aveva espugnato Agrigento per 1-3 grazie alle reti di Curiale, Moscardelli e Diop, conquistando tre punti fondamentali per la sua rincorsa in classifica.

In entrambi gli incroci avvenuti nella prima parte della stagione attuale, sulla panchina dell’Akragas sedeva Nicola Legrottaglie. Chiamato in estate per guidare la più ambiziosa tra le matricole del girone C, il tecnico pugliese era stato protagonista di un ottimo avvio, in cui sembrava poter capitalizzare al meglio la buona campagna acquisti estiva della società del presidente Alessi. Dopo aver conquistato ben 13 punti nelle prime 7 gare, in cui era sempre stato a ridosso delle primissime, l’undici di Legrottaglie non ha più vinto fino alle dimissioni del tecnico, avvenute dopo la prima di ritorno e dopo sette sconfitte nelle precedenti otto uscite.

Dopo aver assaporato il baratro della zona play-out, l’Akragas è risorto grazie all’approdo sulla sua panchina di Pino Rigoli, protagonista di un esordio-boom fatto di sei vittorie consecutive. Con il nuovo tecnico, il Gigante ha ritrovato solidità difensiva e una buona media-gol, risalendo fino all’attuale decimo posto, a +7 sulla quintultima piazza. Nelle ultime cinque giornate, però, le prestazioni dei siculi sono tornate ad oscillare tra brutte sconfitte, vedi il poker subito a Caserta, ed importanti vittorie, tra cui spicca il derby-salvezza con il Catania.

Rinforzatosi in gennaio con gli arrivi di De Rossi, Candiano, Grea, Muscat, Djulgerov e Di Grazia, l’Akragas dovrebbe scendere in campo a Lecce con gli ultimi quattro scelti come titolari da mister Rigoli. In porta spazio a Vono, mentre in difesa ci saranno Grea, Marino, il nazionale maltese Muscat e l’esperto Capuano. Mediana tutta straniera con Vicente, Zibert e Djulgerov, mentre davanti il trio sarà composto da Madonia, Di Piazza e Di Grazia.

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già collaboratore de Il Giornale di Puglia, il Corriere dello Sport e, dal 2013, redattore di SalentoSport.net.

Articoli Correlati

  • rizzo-coribello LECCE – Rizzo sul Catania: “Una squadra arrabbiata con Lodi a dettare i tempi”. Pacilli e Marino ok

    “Lavorare reduci da una vittoria aiuta sempre. Ripartiamo dalla prestazione offerta con il Trapani, di carattere, attenzione e determinazione”. Così Robertino Rizzo alla vigilia di Catania-Lecce, in programmi domani sera, in terra siciliana, con calcio di inizio fissato alle ore 20.30. “Questa mattina abbiamo svolto la rifinitura in Calabria – ha aggiunto – Pacilli e Marino…

  • magri-di-campi VIRTUS FRANCAVILLA – Magrì: “Polverone politico sulla questione stadio. Ora religioso silenzio”

    Il presidente onorario della Virtus Francavilla, Antonio Magrì, ha posto chiarezza col seguente comunicato sulla questione legata al “Giovanni Paolo II”. “Ancora una volta – si legge nella nota diffusa dal club biancazzurro – apprendo con stupore che una mia dichiarazione sulla questione stadio ha dato vita ad un polverone politico con diverse prese di…

  • bleve caputo LECCE – Doppio movimento di portieri: Bleve parte, blindato Chironi

    Movimento di portieri in casa Lecce. La società ha appena ufficializzato l’allungamento del contratto con Gianmarco Chironi, estendendolo sino al 30 giugno del 2020. Contestualmente i giallorossi hanno ceduto, a titolo temporaneo e con diritto d’opzione, il diritto alle prestazioni sportive di Marco Bleve alla Ternana Calcio. Per Bleve si tratta, quindi, di approcciarsi al…

  • Comunicato ufficiale Taranto TARANTO – Ufficio stampa e segreteria si rifanno il look

    Il Taranto prosegue l’opera di allestimento del nuovo organigramma societario, che si colora di rosa. A pochi giorni dalla presentazione ufficiale del tecnico e del direttore sportivo, la società presieduta da Elisabetta Zelatore annuncia gli arrivi di Ninni Cannella, in qualità di addetto stampa e della signora Mariagrazia Sigrisi, a capo della segreteria. A fargli…

  • caturano-salvatore-lecce-leccesetteIT LECCE – Meluso blinda Caturano: “Lo vogliono? Costa almeno due milioni”. Agostinone saluta

    Ancor prima dell’inizio del campionato, il Lecce è costretto a difendersi da un attacco avversario. Non parliamo di sfide sul campo bensì dietro la scrivania, poiché il neo retrocesso Pisa si è lanciato a capofitto alla ricerca di un attaccante il cui profilo risponde al nome di Salvatore Caturano. Il tecnico dei toscani Carmine Gautieri ha…