L’AVVERSARIO – Gioventù e voglia di stupire ancora al comando: il Melfi di Palumbo e dell’ex Herrera

melfi scudetto logo

Dopo l’ottimo esordio con vittoria nella gara interna con l’Ischia, Piero Braglia cercherà di far tornare il Lecce alla vittoria anche fuori casa. Non sarà però un compito facile per i giallorossi, che nell’ottavo turno di campionato saranno ospiti del Melfi di Giuseppe Palumbo, tutt’ora imbattuto al “Valerio”. I lucani non saranno dunque uno scoglio facilmente superabile per Papini e compagni perché, stando alle prime indicazioni di questo avvio di campionato, sembrano confermarsi sui livelli dello scorso anno, quando i gialloverdi misero i bastoni tra le ruote delle grandi del torneo in più di un’occasione.

L’Associazione Sportiva Melfi si trova quest’anno a disputare il suo secondo campionato in terza serie, un risultato di tutto rispetto per una società che ha sempre puntato sui giovani e sulle risorse dei soci, tutti locali, che compongono il direttivo gialloverde. Da quando nel 2003 ha fatto il suo esordio tra i professionisti, il Melfi si è sempre reso protagonista di campionati di livello che gli hanno permesso di centrare agevolmente l’obiettivo della permanenza nella categoria, fino al salvezza 2013/2014 che è valsa la partecipazione alla neonata Lega Pro unica. Nell’anno dell’esordio assoluto in terza serie, il club della Basilicata è tornato a fronteggiarsi, dopo 59 anni con il Lecce. Tra melfitani e leccesi i precedenti totali sono quattro, per un bilancio che vede i giallorossi in vantaggio per due vittorie ad una, più un pareggio. I primi due incroci risalgono alla IV Serie 1956/57 (1-1 in Salento, 1-3 in Lucania), mentre gli altri due si sono registrati, come detto, nella passata stagione. Nella gara d’andata al “Via del Mare” il Lecce prevalse con un secco 4-1, ma nel match di ritorno a Melfi l’1-0 (gol di Caturano nel finale) con cui i padroni di casa di Bitetto si imposero sui ragazzi di Bollini compromise le speranze di questi ultimi di accedere ai play-off.

Nello scorso campionato il club del presidente Maglione riuscì a centrare l’obiettivo-salvezza senza troppe difficoltà, risultando una delle sorprese più belle dell’annata di Lega Pro. In estate però la società ha deciso di cambiare molto, sia dal punto di vista della rosa che dello staff tecnico. Ciò che di certo non è cambiato in casa Melfi è sicuramente la mentalità, dal momento che anche quest’anno si è deciso di puntare sui giovani per rinnovare un progetto che vede nella permanenza in terza serie l’obiettivo prefissato. Attualmente Herrera e compagni sono al dodicesimo posto in classifica con 7 punti, tutti conquistati tra le mura amiche, due in più rispetto a quanto raccolto nei primi sette turni da Leonardo Bitetto un anno fa.

A raccogliere la pesante eredità del tecnico barese è stato Giuseppe Palumbo (coadiuvato dall’allenatore in seconda Gennaro Delvecchio, ex calciatore giallorosso), il quale vanta una lunga esperienza tra dilettanti e Serie C2. L’allenatore di Venosa ha guidato, tra le altre, Tricase, Paganese, Fidelis Andria e Sarnese, ultimo club in ordine di tempo prima della decisione di tornare sulla panchina del Melfi. Il tecnico si è infatti seduto sulla panchina gialloverde già nel 2003/2004 e nel 2008/2009, sempre in C2, elemento che gli permette di conoscere a fondo un ambiente in cui ha già fatto molto bene in passato.

Per quanto riguarda la rosa messa a disposizione di mister Palumbo, la società non ha ovviamente fatto follie, rinnovando tuttavia quasi totalmente la squadra della scorsa stagione. In porta c’è il 23enne Santurro, che bene ha fatto nella prima metà del passato campionato al Savoia, mentre la difesa nel match con il Lecce dovrebbe essere composta da Annoni, Di Nunzio, Cason e Amelio, con l’ex giallorosso Stefano Pino che dovrebbe andare in panchina. A centrocampo spazio a Maimone, Giacomarro e Prezioso, mentre il trio d’attacco titolare sarà composto dall’ex Matera Longo, con ai fianchi Tortolano (cercato da Trinchera in estate) ed il più importante ex di turno, anche perché ancora di proprietà giallorossa, ovvero il panamense Eric Herrera.

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già collaboratore de Il Giornale di Puglia, il Corriere dello Sport e, dal 2013, redattore di SalentoSport.net.

Articoli Correlati

  • rizzo-coribello LECCE – Rizzo sul Catania: “Una squadra arrabbiata con Lodi a dettare i tempi”. Pacilli e Marino ok

    “Lavorare reduci da una vittoria aiuta sempre. Ripartiamo dalla prestazione offerta con il Trapani, di carattere, attenzione e determinazione”. Così Robertino Rizzo alla vigilia di Catania-Lecce, in programmi domani sera, in terra siciliana, con calcio di inizio fissato alle ore 20.30. “Questa mattina abbiamo svolto la rifinitura in Calabria – ha aggiunto – Pacilli e Marino…

  • magri-di-campi VIRTUS FRANCAVILLA – Magrì: “Polverone politico sulla questione stadio. Ora religioso silenzio”

    Il presidente onorario della Virtus Francavilla, Antonio Magrì, ha posto chiarezza col seguente comunicato sulla questione legata al “Giovanni Paolo II”. “Ancora una volta – si legge nella nota diffusa dal club biancazzurro – apprendo con stupore che una mia dichiarazione sulla questione stadio ha dato vita ad un polverone politico con diverse prese di…

  • bleve caputo LECCE – Doppio movimento di portieri: Bleve parte, blindato Chironi

    Movimento di portieri in casa Lecce. La società ha appena ufficializzato l’allungamento del contratto con Gianmarco Chironi, estendendolo sino al 30 giugno del 2020. Contestualmente i giallorossi hanno ceduto, a titolo temporaneo e con diritto d’opzione, il diritto alle prestazioni sportive di Marco Bleve alla Ternana Calcio. Per Bleve si tratta, quindi, di approcciarsi al…

  • Comunicato ufficiale Taranto TARANTO – Ufficio stampa e segreteria si rifanno il look

    Il Taranto prosegue l’opera di allestimento del nuovo organigramma societario, che si colora di rosa. A pochi giorni dalla presentazione ufficiale del tecnico e del direttore sportivo, la società presieduta da Elisabetta Zelatore annuncia gli arrivi di Ninni Cannella, in qualità di addetto stampa e della signora Mariagrazia Sigrisi, a capo della segreteria. A fargli…

  • caturano-salvatore-lecce-leccesetteIT LECCE – Meluso blinda Caturano: “Lo vogliono? Costa almeno due milioni”. Agostinone saluta

    Ancor prima dell’inizio del campionato, il Lecce è costretto a difendersi da un attacco avversario. Non parliamo di sfide sul campo bensì dietro la scrivania, poiché il neo retrocesso Pisa si è lanciato a capofitto alla ricerca di un attaccante il cui profilo risponde al nome di Salvatore Caturano. Il tecnico dei toscani Carmine Gautieri ha…

Lascia un commento