ECCELLENZA – Il Tribunale Federale Territoriale sanziona duramente il Barletta. Le motivazioni

Inibizione di sei mesi per cinque dirigenti del sodalizio biancorosso. Società punita, invece, con un'ammenda di 500 euro e tre gare da disputare a porte chiuse

barletta

Dure sanzioni comminate al Barletta dal Tribunale Federale Territoriale. La società biancorossa e cinque componenti della dirigenza sono stati giudicati nell’ambito del procedimento promosso dal Procuratore Federale della Figc per i seguenti accadimenti: “per aver annullato la seduta di allenamento della prima squadra della propria società di appartenenza, prevista per il giorno 28/3/2017, così sottostando alle minacce poste in essere dai sostenitori della stessa squadra che avevano manifestato la volontà di contestare aspramente i calciatori in occasione della medesima seduta di allenamento; nonché per aver fatto giocare la prima squadra della propria società ,nelle due ultime gare del campionato di Eccellenza della Regione Puglia della stagione sportiva 2016-2017, con una maglia diversa rispetto a quella normalmente utilizzata, così sottostando alla minaccia posta in essere dai sostenitori della stessa squadra i quali, alla fine della gara del 26/3/2017 tra Barletta e Trani avevano inveito nei confronti dei calciatori definendoli indegni di indossare la maglia sociale”.

I dirigenti Sabino Falco (all’epoca dei fatti presidente del Barletta), Ruggiero Cristallo (vice presidente), Vincenzo Bellino, Michel Alessandro Ferrigni e Raffaele Domenico Zingrillo (dirigenti) sono stati sanzionati con l’inibizione per 6 mesi. La società Barletta, infine, è stata punita con un’ammenda di 500 euro e tre gare da disputare a porte chiuse nel campionato di competenza.

Luigi ALEMANNO
Giornalista pubblicista dal 2011, vicedirettore di SalentoSport.net. Responsabile della redazione sportiva di Teleonda dal 2009 al 2012, corrispondente per Piazzasalento dal Comune di Gallipoli dal 2012 al 2014, responsabile della comunicazione per la S.S.D. Gallipoli Football 1909 Srl dal 2012 al 2015.

Articoli Correlati

  • CASARANO – Ecco il nuovo direttore sportivo: ex Nocerina, Catania e Messina

    Parte da Marcello Pitino, ex direttore sportivo di Nocerina, Catania e Messina, il nuovo corso del Casarano. Nome noto nel calcio professionistico, Pitino è una garanzia di serietà e professionalità. La sfida sarà quella di calarsi in una categoria inedita come quella dell’Eccellenza pugliese, ma il curriculum del nuovo ds delle Serpi parla da sé. Insomma, il…

  • carbonella-enzo-marino-dino-brindisi BRINDISI – Due rinforzi di livello per il centrocampo biancazzurro

    Due rinforzi per il centrocampo del Brindisi. Il primo è un volto nuovo: si tratta di Dino Marino, figlio dell’ex difensore di Lecce, Lazio e Napoli, Raimondo, proveniente da tre ottime stagioni in Serie D con il Francavilla in Sinni. Cresciuto nelle giovanili del Lecce, a 16 anni Marino passa all’Inter dove milita nella formazione…

  • faggianelli GALLIPOLI – Faggianelli, idee chiare: “Priorità al parco under. Obiettivo? Prima la salvezza…”

    Risolta la questione legata alla nuova guida tecnica con la scelta di Angelo De Benedictis, il nuovo Gallipoli sembra pronto a muovere i primi passi per ciò che concerne l’allestimento della nuova rosa. Il direttore sportivo Vito Faggianelli sembra avere le idee abbastanza chiare: “Per quanto ottenuto nella passata stagione – esordisce il diesse – il…

  • villa-coribello GALLIPOLI – Il commiato di Villa: “Non è un addio. Collaborare con Calabro? Occasione da cogliere al volo”

    Il campionato d’Eccellenza appena trascorso lo ha incoronato come uno dei migliori tecnici dell’intero girone, con il suo Gallipoli in grado di esprimere un calcio di primo livello che è valso a conti fatti un piazzamento nei playoff. Ora, dopo un anno mezzo ricco di soddisfazioni, mister Alberto Villa ha deciso di salutare il popolo…

  • merito BRINDISI – Riconfermato Merito, al vaglio altre trattative di mercato

    La Ssd Brindisi si tiene stretto anche Jaime Leon Merito. Per il forte centrocampista colombiano è giunta la riconferma anche per la prossima stagione, annunciata con una nota ufficiale da parte del club adriatico. Nato a Medellin nel 1983, Merito cresce calcisticamente nella propria città prima di trasferirsi in Italia, ad Acireale, nel 2000, andando…