RACALE – Andrea Tacconi: “Mi manda papà, sono qui per crescere…”

RACALE – Stesso ruolo, stesso timbro di voce, stesso atteggiamento “scanzonato”. Andrea Tacconi, classe 1995, è un figlio d’arte a tutti gli effetti. Portiere come il padre Stefano che raccolse la pesante eredità di Zoff alla Juve, quella di Platini, Rossi e Boniek, portandola con le sue manone in vetta al mondo nel 1986. Il giovanotto proverà a farsi le osse a Racale, alla corte di mister Lombardo, in un campionato tosto come quello di Eccellenza Pugliese. Lotterà per un posto da titolare senza “raccomandazioni”, ne è consapevole ma raccoglie la sfida.

Tacconi, ci dica innanzitutto come è nato questa sua avventura a Racale.
“Mi ha chiamato il presidente della società per fare una partita e da lì è partita questa avventura. E’ stato un caso”.

Come sta trovando il Salento?
Il Salento è molto bello, l’ho visto in estate, ora vedremo com’è anche d’inverno, spero di non annoiarmi…”.

Pesa avere un cognome “pesante” come il suo?
“Pesa fino ad un certo punto perchè è sufficiente capire che devi lavorare sodo e pensare a se stessi. Mio padre è un altra persona, ha un’altra vita ed io devo impegnarmi per migliorare e maturare”.

Com’è il rapporto con papà Stefano?
“Il rapporto con lui è perfetto, c’è grande amicizia tra di noi, usciamo insieme, facciamo tutto insieme”.

Quando ha saputo che ti voleva il Racale, cosa ti ha consigliato di fare?
“Mi ha detto che è un bel campionato, tosto e difficile, giusto insomma per fare esperienza”.

In quali società è cresciuto?
“Lazio, Como e in ultimo Reggiana”.

L’avvio del Racale non è stato dei più positivi, vero?
“Vero, siamo partiti così così’ ma nell’ultima giornata abbiamo ottenuto un buon pareggio. Speriamo di uscire da questa situazione difficile e ci concentreremo d’ora in poi solo sul campionato visto che siamo fuori dalla coppa”.

E’ un caso che lei “studi” da portiere come lo era suo padre?
“Difficile da credersi ma è proprio un caso. Addirittura, mio padre non voleva che giocassi a pallone. Infatti, mi dedicavo al basket. poi mi è venuta questa fissa di provare a mettermi in porta ed è andata bene. Il portiere è il ruolo più bello che c’è. Si è soli contro tutti”.

Qual è il tuo sogno nel cassetto?
“Puntare sempre più in alto”.

Quale maglia le piacerebbe indossare?
“In serie A ci sono tante squadre forti, vedremo dove riuscirò ad arrivare”.

Papà Stefano l’ha visto all’opera solo in cassetta o cd, vero?
“Solo in cassetta perchè lui aveva già smesso quando sono nato”.

Quale sua partita l’ha più emozionata?
“Sicuramente la finale della Coppa Intercontinentale di Tokyo quando parò due rigori. Ma a mio padre ricordano spesso anche quel gol di Maradona su punizione”.

Dove può arrivare il Racale in questo campionato?
“Secondo me tra le prime tre del girone se riusciamo a trovare la giusta concentrazione”.

Con chi ha legato di più?
“Con il portiere Andrea Panico che è anche preparatore dei portieri. E’ straordinario”.

Non avendo ancora la patente, come organizza la sua vita nel Salento?
“Ci sono gli altri miei compagni che mi aiutano ad adattarmi e muovermi”.

Quale qualità ammira di più di suo padre come uomo e come sportivo?
“Sicuramente la grinta, lui è uno che ha le palle, ha la giusta cattiveria. Questa è una qualità fondamentale sia come uomo che come portiere”.

Articoli Correlati

  • tisci-vito-canale85 ECCELLENZA – Tisci sui format: “Abbiamo chiesto la seconda promozione in D. Attendiamo risposte dalla Lnd”

    Nella cerimonia di presentazione dei calendari (che pubblicheremo a breve) per la stagione 2020-21 di Eccellenza A/B e Promozione A/B, il presidente Lnd Puglia, Vito Tisci, ha rilasciato alcune dichiarazioni sulla tempistica di comunicazione del format dei campionati. “A questo argomento ci sto lavorando da un mese. Per l’Eccellenza abbiamo chiesto la seconda promozione in Serie…

  • pallone-dilettanti-2020-21 ECCELLENZA – La voce dei protagonisti al termine delle sfide di ritorno di Coppa Italia

    Il commento di alcuni dei tecnici delle salentine dopo le gare di ritorno del primo turno di Coppa Italia Eccellenza. OLIVA (UGENTO) – “Questo è stato un doppio confronto dove entrambe le squadre meritavano di approdare al turno successivo. Sia noi che il Racale abbiamo proposto un bel calcio, considerando sempre che si è tornati in…

  • generica-dilettanti-live-eccellenza-promozione ECCELLENZA – I tabelllini delle gare di ritorno del 1° turno di Coppa Italia

    In attesa dei recuperi dei ritorni del primo turno (San Marco-San Severo e Manfredonia-Vieste), programmati per l’8 ottobre, si sono qualificate al secondo turno di Coppa Italia Eccellenza Orta Nova, Barletta, UC Bisceglie, Corato, Ostuni, Martina, Castellaneta, Sava, Deghi, Maglie, DC Otranto, Virtus Matino, Ugento (LEGGI QUI). Questi i tabellini delle gare giocate ieri. TOMA…

  • coppa-italia-eccellenza ECCELLENZA – Coppa Italia, ritorno 1° turno: i risultati e le qualificate

    In archivio (quasi tutto) il primo turno di Coppa Italia Eccellenza. Questi i risultati: – AT San Severo-San Marco 3-2 gara di andata Atl. Vieste-Manfredonia 2-2 gara di andata – Real Siti-Orta Nova 1-2 (and. 0-1) Barletta 1922-Audace Barletta 3-0 (and. 1-1) 8′ Pollidori, 22′ e 90+1′ Loiodice Vigor Trani-UC Bisceglie 0-2 (and. 1-1) 5′ Amoroso, 74′ Raiola…

  • ceresetto ECCELLENZA/B – Rinforzi di livello per Gallipoli e Ginosa, il Racale attende il suo bomber: il punto sul mercato

    Aggiornamento numero cinque per ciò che riguarda il mercato del girone B d’Eccellenza Pugliese. Nonostante domenica abbia preso ufficialmente il via la nuova stagione, con l’esordio in Coppa Italia, per diverse compagini è ancora tempo di calciomercato. Il Gallipoli piazza un doppio colpo in attacco, assicurandosi le prestazioni del forte esterno offensivo ex Racale e Maglie,…