NARDÒ – Il Toro scappa due volte, il Mazara lo riprende. Un pari che lascia aperti i giochi

Foto: Tifosi del Nardò a Mazara (@SalentoSport.net)

Il Nardò impatta per due a due contro il Mazara nella semifinale d’andata dei playoff nazionali valida per l’accesso in serie D. Nicola Ragno schiera la sua squadra con il solito 4-2-4 con Palmisano e Montinaro esterni a supportare Rana e Vicentin, Terranova risponde con il colladuato 4-3-3 con Bono terminale offensivo supportato dall’estro di Erbini e dell’ex Nicola De Benedictis.

La squadra granata passa in vantaggio dopo appena ciquanta secondi di gioco, Fiorentino pennella una punzione sui piedi di Montinaro che trafigge in diagonale l’esperto Iacono. La squadra sicula non si scoraggia e reagisce con veemenza allo svantaggio iniziale. Al 10′ Erbini calcia in area di rigore una punzione dal limite destro, Lombardo insacca di testa e pareggia per i locali. La squadra di Terranova sulle ali dell’entusiamo pressa i granata ma Vicedomini e compagni sono bravi ad addormentare l’incontro.  Al 30′ lo stesso Fiorentino impegna severamente Iacono su punizione, poi Rana non riesce a ribattere in rete sulla corta respinta del portiere siculo. Al 37′ insidioso cross di Palmisano, Fontana rischia la clamorosa autorete. I primi quarantacinque minuti si chiudono con i granata propositivi ma poco cinici in fase offensiva.

Nel secondo tempo i granata vogliono la vittoria e si rendono subito pericolosi. Al 7′ Vicedomini crossa in area per Palmisano, Iacono devia in angolo lo splendido colpo di testa del tornante granata. Sul succesivo calcio d’angolo incornata vincente dello stesso numero sette granata che gonfia la rete su assist di Fiorentino. ll Nardò continua a dominare l’incontro e sfiora la terza rete in due occasioni con Rana. Al 22′ entrata scomposta di Montrone su Bono, per il signor Berti di Pavia rosso diretto e la squadra di Ragno costretta a giocare in dieci gli ultimi venticinque minuti dell’incontro. Il tecnico molfetesse si copre e manda in campo Gigante per Montinaro e Palazzo per Rana. I locali, in superiorità numerica, sono impacciati e non riescono a trovare la via del gol, ma a tempo scaduto arriva la beffa per i colori granata. Il neo entrato Tundo commette un fallo ingenuo su Bono in area di rigore, penalty netto che lo stesso attaccante siculo trasforma con freddezza.

I granata nell’arco dei novanta minuti sono sembrati superiori tecnicamente e tatticamente al Mazara, ma i siculi sono una squadra guerriera che non demorde mai. Domenica prossima il ritorno in terra salentina dove il Nardò dovrà dimostrare il suo valore per raggiungere la finale playoff supportato dal suo splendido pubbico, anche oggi presente con circa 250 tifosi.

 ***

Mazara del Vallo, stadio “N. Vaccara”
domenica 17.05.15, ore 17.30
Eccellenza pugliese 2014/15 – Andata semifinale playoff nazionali

MAZARA-NARDÒ 2-2

MAZARA: Iacono, Esposito, Cammareri, Fontana, Lombardo, Pirrone, De Benedictis,(36’st Accetta) Li Causi, Erbini, Bono, Falsone. A disp. Ingrassia, Alagna, Nizzola, Lunetto, Spata, Rosella. All. Terranova
NARDÒ: Caroppo, De Giorgi, Mancarella, Vicedomini, Anglani, Montrone, Palmisano,(36’st Tundo) Fiorentino, Vicentin, Rana,(28′ Palazzo) Montinaro.(25’st Gigante) A disp. Picco, Margagliotti,  Corvino, De Razza, All. Ragno

Arbitro: Signor Berti di Pavia
Espulsi: 22’st Montrone
Ammoniti: Cammareri (M) Fiorentino (N), Esposito (M) Vicedomini (N) Erbini (M)
Reti: 1’pt Montinaro (N), 10’pt Lombardo (M), 8’st Palmisano (N), 47’st rig. Bono (M)
Recupero 1’pt, 5’st.

Marco TARSI
Nato a Copertino 37 anni fa , laureato in economia e gestione delle attività turistiche e culturali, giornalista pubblicista dal 2014, redattore di Salento Sport, collaboratore della Gazzetta del Mezzogiorno e di Radio system network. Alla passione sportiva unisce quella instancabile di educatore scout nel gruppo Copertino 97!!

Articoli Correlati

Lascia un commento