Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

foto: CD Gallipoli, vincitore del girone
ph: Coribello/SS

ECCELLENZA/B – Ultima giornata senza grosse sorprese. Arboris Belli-Gallipoli F., caos a fine gara

Poche sorprese nell’ultimo turno della stagione regolare di Eccellenza pugliese girone B. Il Città di Gallipoli chiude in vetta il raggruppamento, pareggiando 0-0 in casa col Manduria in un match senza grosse emozioni, data anche la grossa posta in palio per entrambe le compagini. La squadra di Carrozza approda direttamente nella finale playoff di girone. I biancoverdi tenteranno l’assalto alla Serie D dai playoff, giocandosi la semifinale in casa dell’Ugento, uscito nettamente battuto nell’acquitrino di Novoli. I rossoblù portano a casa la salvezza che, ad un certo punto del campionato, sembrava complicata. Nell’altro girone, Manfredonia in finale playoff; semifinale Bisceglie-Corato. Retrocesse Vigor Trani e Foggia Incedit.

Ai playout sarà Ginosa-Arboris Belli. I primi superano di misura l’Avetrana con un gol di Chiochia; i secondi vengono beffati allo scadere da una rete del gallipolino Calò. Caos a fine partita: riportiamo un comunicato del Gallipoli Football che denuncia l’aggressione del proprio portiere Carretta da un non meglio identificato calciatore dell’Arboris Belli: “La dirigenza del Gallipoli Football 1909 esprime tutto il suo disappunto per il comportamento avuto da parte dei calciatori dell’Arboris Belli al termine della gara di ieri. Il gruppo squadra giallorosso si è distinto nell’arco dell’intera stagione per la serietà con cui ha affrontato tutte le competizioni ed anche in quest’ultima giornata ha affrontato la partita in maniera più che decorosa, come del resto dovrebbe succedere a qualsiasi livello. Gli avversari non sono stati tuttavia dello stesso avviso, in particolare il loro uomo di maggiore esperienza. Quest’ultimo, dopo che c’era già stato un accenno di rissa in mezzo al campo al fischio finale provocato dagli stessi padroni di casa, ha infatti rifilato inaspettatamente ed in maniera plateale un pugno in un punto vitale al nostro Francesco Carretta mentre le squadre scendevano la scalinata verso il tunnel degli spogliatoi. Un colpo violento che ha stordito il portiere al punto da farlo crollare a terra sui gradini sbattendo la testa. Per questa ragione al ragazzo è stato prestato soccorso col trasporto in ambulanza presso l’Ospedale San Giacomo di Monopoli prontamente organizzato dalle forze dell’ordine lì presenti che dovrebbero aver identificato l’autore del gesto. Gli accertamenti medici hanno fortunatamente dato esito negativo, l’unica misura precauzionale da adottare per Francesco è una semplice prognosi di tre giorni dopo aver temuto conseguenze peggiori per l’accaduto. Dal canto nostro, ci auguriamo che la dirigenza dell’Arboris Belli, che ha riservato un più che degno trattamento a tutto il nostro staff, punisca severamente il tesserato in questione per l’azione vigliacca compiuta, in totale contraddizione con l’esempio che un calciatore navigato nei campionati dilettantistici dovrebbe dare ai propri compagni”.

Nelle restanti gare, pari che vale la salvezza per entrambe tra Maglie e Ostuni. Pari anche tra Massafra e Matino, che già erano salve dalla scorsa settimana. Goleada dell’Otranto, che chiude al quarto posto, ai ragazzi del Castellaneta, società che retrocede direttamente in Promozione.

I tabellini dell’ultima giornata:

CD GALLIPOLI-MANDURIA 0-0

CD GALLIPOLI: Passaseo, Piscopiello (13′ st Signorelli), Chiatante, Gninguè, Fruci, Benvenga, Caputo, Sansò (13′ st Montagnolo), Perchaud (16′ st Oltremarini), Amatulli, Iurato (16′ st Negro). All. Carrozza.

MANDURIA: Maraglino, Marinelli, Dorini, Aquaro, Pino, D’Arcante, Tarantino, D’Ettorre, Russo (28′ st Monopoli), Pignataro, Perdicchia (16′ st De Maria). All. Branà.

ARBITRO: Lombardo di Brindisi.

S. MASSAFRA-V. MATINO 1-1
RETI: 34′ st Galeone (MAS), 37′ st Barulli (MAT)

S. MASSAFRA: Pizzaleo, Saponaro, Ventimiglia, Napolitano (14′ st Schirizzi), Carlucci, Cristofaro (4′ st Dettoli), Sabetta, Malagnino (22′ st Galeone), Caruso N., Vapore (47′ st Tocci), Conte (7′ st Girardi). All. Malacari.

V. MATINO: Colazo, D’Andria, Barulli (28′ st Matere), Fina, Monteleone, Alemanni, Elia, Cannizzaro (33′ st Lombardi), Ferramosca (25′ st Medaglia), Varietti, De Angelis (22′ st Venturuzzo). All. Toma.

ARBITRO: Andreula di Molfetta.

NOVOLI-UGENTO 3-0
RETI: 23′ pt Poleti, 40′ pt Martinez C., 12′ st Delgado

NOVOLI: Rielli, Tarantino, Giannotti, Fonteboa (34′ st Franco), Martinez C. (40′ st Capone), Martinez, Falco, De Blasi, Delgado (40′ st Falconieri), Villar (26′ st Quarta), Poleti (40′ st Fasiello). All. Manco.

UGENTO: Maggi, Venegas, Cicerello, Veron (3′ st Carrozzo), Fernandes, Serrano (11′ st De Lorenzis), Cordary, Maroto, Lollo (27′ pt Nestola), Munoz (11′ st Toro Jimenez), Espinar (21′ st Illiano). All. Salvadore.

ARBITRO: Giannì di Reggio Emilia.

A. TOMA MAGLIE-OSTUNI 1-1
RETI: 32′ pt Sprovieri (M), 30′ st Cassano (O)

A. TOMA MAGLIE: Mele, Tecci, Lezzi, Olibardi, Carbone (27′ st Miccoli), Garrapa, Sprovieri (27′ st Carrino), Maraschio, Gallorini, De Michele (39′ st Stifani), De Giorgi. All. Romano.

OSTUNI: Maggi, Frumento, Quagliana, Albaqui, Cassano, Otero, Marzio (1′ st Miccoli), Perrino (1′ st Negro), Pendinelli, Faccini, Benedetti (1′ st Zito). All. Kreshpa.

ARBITRO: Lucanie di Molfetta.

GINOSA-AVETRANA 1-0
RETI: 23′ st Chiochia

GINOSA: De Biasi, Pignatale, Bitetti, Verdano (47′ st Palumbo), Chiochia, Donvito, Dell’Orco (34′ st Valenza), Pulpito, Ciriolo (39′ st Romeo), Richella, Serafino. All. Ola.

AVETRANA: De Marco, Lomartire, Trisciuzzi, Nigro (20′ st Cava), Fabiano, Tamborrino, Sanyang (13′ st Cardinale), Sibilla, Marchionna, Zaccaria, Di Giulio (37′ st Leo). All. Passariello.

ARBITRO: Passarotti di Mantova.

(Us Ginosa Calcio, Domenico Ranaldo) – Il Ginosa chiude la stagione regolare con un successo tra le “mura amiche”superando l’Avetrana col minimo scarto e si gioca la salvezza nel play-out in trasferta contro l’Arboris Belli. Era importante vincere per sperare di giocarsi la permanenza attraverso il play-out e l’obiettivo minimo è stato centrato con merito. Gara disputata con intensità dai biancazzurri che sin dalle prime battute mostrano tanta voglia di portare a casa il bottino pieno. Già dopo cinque giri di lancette i padroni di casa vanno vicini al vantaggio: cross pennellato di Bitetti dalla sinistra per l’incornata sottomisura di Ciriolo sulla quale è superlativo De Marco e sul tap-in Verdano spara incredibilmente a lato. Al 15’ ci prova dalla distanza Richella, con l’estremo difensore ospite che si rifugia in angolo. Passano due minutie la rete sembra cosa fatta quando Verdano pennella dalla destra un traversone invitante sul quale si avventa Ciriolo che devia verso la porta, ma sulla linea è determinante la respinta di un difensore. Sino all’intervallo accade poco o nulla ed il risultato rimane bloccato sullo 0-0. Nella ripresa il copione non cambia, con i padroni di casa a premere per conquistare i tre punti. La pressione trova il giusto premio al 24’ con la rete del vantaggio: sugli sviluppi di una punizione pennellata in area da Richella, Chiochia incorna sottomisura indovinando l’angolo alla sinistra di De Marco che nulla può. Il vantaggio galvanizza i biancazzurri che al minuto 37 vanno vicini al raddoppio quando il baby Valenza raccoglie un traversone di Pignatale ed in acrobazia accarezza il montante. Sino alla fine i padroni di casa controllano con ordine il match e centrano la sesta vittoria stagionale che garantisce la disputa del play-out per conquistare la salvezza. Uno spareggio in gara secca in trasferta allo “Scianni Ruggeri” di Alberobello contro l’Arboris Belli che quasi sicuramente andrà in scena Domenica 30 Aprile, in cui il Ginosa dovrà solo vincere per assicurarsi la permanenza.

CASTELLANETA-OTRANTO 1-6
RETI: 20′ pt, 22′ pt, 43′ st rig. Tourè (O), 41′ pt Gallo (O), 1′ st Trovè (O), 11′ st Fede (C), 16′ st Cisternino (O)

CASTELLANETA: Carrieri, Rizzi A., Gravina (13′ st Cazzetta), Bufano, Rizzi M. (13′ st Lapenna), Balestra, Marchitelli (22′ st Casamassima), Bongermino, Villani (24′ st Cirillo), Fede, Battista. All. Minosa.

OTRANTO: Merico, Liquori, Plevi, Solidoro (15′ st Faggiano), Signore, Cisternino, Cariddi (15′ st Borneo), Mariano (25′ st Valentini), Trovè (30′ st Albino), Gallo (30′ st Scarpa), Tourè. All. Tartaglia.

ARBITRO: Albione di Lecce.

(US Città di Otranto, Giuseppe Martella) – Vittoria netta a chiudere la stagione. Il Città di Otranto supera in trasferta il giovane Castellaneta, merito alla società tarantina per avere chiuso con estrema dignità un torneo complicato e utile a salvare il titolo sportivo, e mette il sigillo su un campionato straordinario. I tre punti odierni servono a tagliare il traguardo dei 51 punti, obiettivo non semplice da mettere a fuoco a metà agosto scorso quando l’avventura biancazzurra guidata da mister Graziano Tartaglia è iniziata. Una compagine quella costruita dal presidente Giovanni Mazzeo puntando sullo storico “zoccolo duro” alimentato con arrivi di esperienza e giovani di belle speranze e di grande qualità. Un team che si è subito inserito tra le big del torneo e che lì è sempre rimasto, anche quando la rosa è stata ridisegnata nel corso del mercato dicembrino. Impegno, volontà, abnegazione, capacità di andare oltre i momenti difficili e di prendersi le meritate soddisfazioni. E con il Castellaneta gli ultimi 90’ che hanno messo in mostra il solito Tourè, capocannoniere stagionale e autore di una tripletta, e una nidiata di canterani ai quali mister Tartaglia ha regalato la titolarità, minuti importanti e la gioia dell’esordio assoluto. Negli undici iniziali accanto a capitan Mariano e ai compagni più esperti il portiere Leonardo Merico, prima gara in Eccellenza per il classe 2006, i 2004 Lorenzo Liquori e Marco Cariddi. A gara in corso in campo anche Francesco Scarpa, 2006, e i 19enni Francesco Faggiano e Giuseppe Borneo e il classe 2005 Angelo Albino. Il modo migliore per salutare la stagione 2022/2023 e aspettare un futuro sempre più a tinte biancazzurre.

ARBORIS BELLI-GALLIPOLI F. 0-1
RETI: 49′ st Calò

ARBORIS BELLI: Pellegrini F., Laguardia, Simeone (2′ st Labarile), Dimola, Fumarola, Cantalice, Salvi (21′ st Mastronardi), Agostino (11′ st Leggiero), Longo, Amodio (33′ st Di Cosola), Leone (11′ st Muolo). All. Girolamo.

GALLIPOLI F.: Carretta, Manca, Gurau, Calò, Gomez, Fabiani (27′ st Baglivo), Pennetta, Parlati, Turco, Romano (17′ st Makovic), D’Errico (35′ st Sansò). All. Calabuig.

ARBITRO: Casula di Taranto.

NOTE: espulsi Agostino, Pellegrini (AB), Gomez (G).