GALLIPOLI vs SAN SEVERO – Le pagelle giallorosse: Sportillo giganteggia in difesa, Aragao pesca il jolly

sportillo (passeri)

Foto: P. Sportillo (©E. Passeri)

GALLIPOLI vs SAN SEVERO – Le pagelle giallorosse

Giangrande voto 6.5: schierato a sorpresa al posto di Passaseo riesce a rendersi protagonista di un’ottima prestazione; un pò insicuro ad inizio partita anche per via di un terreno abbastanza insidioso, riesce con il passare dei minuti a rendersi protagonista di ottimi interventi e soprattutto in uscita, dando la giusta sicurezza al reparto intero. NIENTE MALE COME ESORDIO

Alessandrì D. voto 6+: sicuramente non una prestazione da incorniciare la sua, soprattutto perchè dimostra di andare in difficoltà quando viene preso sul passo, ma nel finale soprattutto quando c’è da lottare e da fare a sportellate lui non si tira indietro dimostrando anche una buona dose di esprienza. GIOVANE MASTINO

Coccioli voto 6+: con una formazione a trazione anteriore, lui si presenta stranamente con un assetto da gara più difensivo, dedicandosi soprattutto alle sortite di Cesareo e Ladogana che a turno si presentano dalle sue parti e quando si spinge in avanti finisce per risultare anche un pò impreciso, fino al minuto 33 della ripresa quando con un tocco da biliardo rimette al centro il pallone su cui si avventa Aragao, firmando il punto del definitivo vantaggio. CAVALLO DI RAZZA

Savino voto 6.5: ritorna titolare una delle pedine più importanti dello scacchiere tattico giallorosso, lo potremmo anche ripetere fino alla noia ma con Savino in campo il Gallipoli acquisisce maggiore equlibrio e stabilità, fattori che forse sono un pò mancati nelle ultime apparizioni; attento e puntuale in difesa, elegante e pungente in fase offensiva e solo il palo prima e l’incrocio poi gli negano la gioia di un gol che solo per i due gesti tecnici avrebbe strameritato. DESTRO DI PLATINO

Sportillo voto 7.5: per giustificare un voto così alto non occorre riavvolgere il nastro di tutti i novanta minuti, ma basterebbe posizionarsi sul minuto 48 della ripresa e, facendo avanti e indietro, cercare di capire come abbia fatto a sdradicare dai piedi degli avanti foggiani un pallone che bastava spingere in rete; un gesto tecnico che, unito al gol di Aragao, regala i tre punti ai suoi. Il resto della gara è fatto da ottime chiusure e tanta attenzione, caratteristiche ormai note al pubblico giallorosso. MONUMENTO UMANO

Vergori voto 6.5: elegante e pulito in fase difensiva alle volte forse anche un pò troppo, rischiando con alcune giocate di mettere a repentaglio l’intero reparto difensivo; avversario di giornata un osso duro come Galetti, ma il numero 6 gialloroso si francobolla su l’esperto attaccante foggiano costringendolo a girare spesso alla larga. GARANZIA DI RENDIMENTO

Casalino voto 6.5: entra dalla panchina per sostituire l’acciaccato Vergori ma con lui in campo cambia ben poco, sempre molto attento bada al sodo senza mai lasciare alcuno spiraglio agli avversari, costituendo insieme agli altri due compagni le basi di una diga umana formatasi nei minuti finali. Un plauso và fatto anche perchè negli ultimi match ha dimostrato come per lui partire da titolare o essere chiamato in causa a partita in corso faccia poca differenza soprattutto nel rendimento in campo. CAPITANO VERO

Legari voto 5.5: un faccia a faccia con il signor Turchet che gli costa il giallo, qualche buona giocata e poco più. Questa è la prestazione del numero 7 gallipolino che ancora una volta non riesce a sfruttare a pieno l’opportunità concessagli da Calabro; non incide come dovrebbe e come potrebbe fare per via dei grandi mezzi tecnici, costringendo il mister a richiamarlo a metà secondo tempo. FUORI DAL GIOCO

Migali voto 6+: entra dalla panchina al posto di Legari per dare maggiore peso e maggiore freschezza al reparto avanzato, contribuisce anche lui al gol di Arago con una sponda decisiva; dopo il vantaggio con maggiori spazi a disposizione riesce a rendersi pericoloso senza mai però incidere nel modo giusto. FURETTO VOLENTERSO

Aragao voto 7: tanti problemi fisici, tanta difficoltà ad incidere e due gol all’attivo inutili alla causa; questa era la stagione di Aragao fino a qualche ora fa, Calabro però decide di dargli ancora un volta fiducia e lui la ripaga con un gol alla capolista che potrebbe rivelarsi fondamentale per la stagione giallorossa e un’ottima prestazione, magari la svolta in un’annata sicuramente sfortunata per l’esterno offensivo brasiliano; come direbbe il buon Francesco De Gregori…ADELANTE ADELANTE

Presicce voto 5.5: schierato nel ruolo di riferimento avanzato non riesce quasi mai ad incidere e a trovare il guizzo giusto o la giocata a cui aveva abituato il Bianco, finendo per incartarsi in giocate fini a sè stesse, ma dopo una grande stagione come la sua una prestazione sottotono ci può anche stare. UGGIOSO COME IL TEMPO

Alessandrì A. voto 6.5: dopo qualche prestazione un pò in sordina, la sosta è riuscita a regalargli lo smalto di cui forse aveva bisogno, fatto sta che in uno dei mtach più importanti della stagione il numero 10 giallorosso fmostra lampi e giocate del vero Alessandrì, soprattuto nella ripresa quando con l’ingresso di Solidoro ha meno compiti di interdizione. IL RITORNO

Negro voto 5.5: anche lui come Presicce appare un pò sottotono ed eccezzion fatta per un spunto a metà primo tempo in cui finisce per perdere il tempo della conclusione a rete, combina veramente ben poco, dimostrando ancora una volta di non aver assimilato a dovere le nozioni giuste per il ruolo di punta della squadra. ABULICO

Solidoro voto 6.5: entra dalla panchina al posto del coetaneo Negro, si sistema al fianco di Alessandrì ed inizia a macinare chilometri in mezzo al campo e non è un caso se con il suo ingresso in campo lievita anche la prestazione del più esperto Alessandrì; nel finale di gara sembra quasi una trottola impazzita pressando su chiunque giochi un pallone sulla linea mediana del campo. BUON IMPATTO

SAN SEVERO: Pizzolato 6, Mangiacotti 6 (Kamano sv), Di Simone 6.5, Silvestri 6.5, Ianniciello 6, Conte 6 (Selvaggi sv), De vivo 5.5, Ganci 6.5, Galetti 5.5, Cesareo 6, Ladogana 6

Davide BOELLIS
Diplomato presso il Liceo Socio Psico Pedagocico. Praticante giornalista pubblicista. Nel 2012 partecipa alla quarta edizione di "Giornalista per un giorno - Sergio Vantaggiato". Nell'aprile 2012 inizia a collaborare con la testata colpoditaccoweb.it. Dal settembre 2012 passa nella squadra di SalentoSport.

Articoli Correlati