GALLIPOLI – Il Gallo strappa il successo, Villa sulla sirena stende un buon Mola

gallipoli-hellas-taranto-00-201116-ss

Il Gallo bagna l’esordio in campionato con una vittoria contro un buon Mola: la formazione giallorossa deve sudare non poco per avere la meglio sugli avversari baresi guidati da Caricola, che tracciano una linea di continuità rispetto alla passata stagione, confermandosi team solido, organizzato e con buone individualità. Parte bene la squadra di Calabro, nonostante le numerose assenze che costringono il tecnico di Melendugno a mandare in campo nell’undici iniziale ben quattro under: al 2′ il pressing aggressivo su Pagnelli del tandem Levanto-Gabrieli si rivela vincente, assist in mezzo per Patera che accomoda la sfera e batte imparabilmente Petruzzelli.

L’entusiasmo regala ulteriore verve ai giallorossi, che sfiorano il raddoppio ancora con Patera, la cui conclusione da distanza ravvicinata viene respinta dal numero uno ospite al 12’. Il Mola, dopo lo sbandamento iniziale, non resta certo a guardare e va vicino al pareggio con un destro di Giacco dai 25 metri ,sfilato di poco a lato del palo sinistro della porta di D’Angelo al 27’; due minuti e il primo assistente del signor Palmisano vanifica la zuccata vincente dello stesso Giacco per una posizione di fuorigioco. È il preludio al gol ospite, che arriva quando il cronometro indica il 37′: Tenzone, ultimo arrivato in casa Mola, semina il panico a ridosso dell’area di rigore giallorossa e, dopo un paio di sterzate, trafigge D’Angelo con un diagonale chirurgico. Quasi sul gong del primo tempo Presicce innesca Levanto, il cui sinistro costringe Petruzzelli agli straordinari per deviare in angolo: si va al riposo in parità.

Nella ripresa sono subito i padroni di casa a cercare la via del gol con Solidoro, abile nel correggere al volo un cross tagliato di Levanto al 13’; dopo appena 60 secondi, Presicce si invola verso Petruzzelli, ma Lorusso con un intervento disperato in scivolata riesce a recuperare mettendo in corner. È un Gallo che vuole i tre punti, il Mola cerca di contenere i giallorossi, sicuramente volenterosi ma non sempre brillanti: al 32’ il team di Caricola prova ad alleggerire la pressione con una punizione di Mastrolonardo alta sulla trasversale. Ad un quarto d’ora dal termine Calabro gioca la carta Villa per cercare di sbloccare l’incontro, ma è Presicce protagonista di una situazione dubbia in area, col signor Palmisano che non assegna il penalty al Gallo per l’intervento imprudente di Lorusso sull’attaccante giallorosso.

Villa si presenta con la specialità della casa, un calcio di punizione, al 37’, disinnescato dal sempre positivo Petruzzelli, ma Casalino e compagni si lasciano sorprendere in contropiede, con Zonno che percorre tutto il campo palla al piede ma il suo servizio in area viene chiuso da un fondamentale Savino. Quando il match sembra ormai scivolare via sull’1 a 1 arriva la zampata del bomber bolognese proprio al 90’: angolo di Savino, serie di deviazioni sporche in area del Mola, con Villa che si avventa in scivolata sulla sfera, depositandola in rete.

Nei tre minuti di recupero non accade altro: arriva così, al triplice fischio di Palmisano, una vittoria sofferta ma importante per il Gallipoli di Calabro che spera già nel prossimo turno, giovedì a Copertino, di poter ritrovare alcune pedine dal valore specifico notevole. Per il Mola tanti complimenti, ma l’appuntamento con i primi punti in classifica è rinviato nel match casalingo contro i Quartieri Uniti Bari.

 

Luigi ALEMANNO
Giornalista pubblicista dal 2011, vicedirettore di SalentoSport.net. Responsabile della redazione sportiva di Teleonda dal 2009 al 2012, corrispondente per Piazzasalento dal Comune di Gallipoli dal 2012 al 2014, responsabile della comunicazione per la S.S.D. Gallipoli Football 1909 Srl dal 2012 al 2015.

Articoli Correlati