GALATINA – Mosca: “Una Pro Italia perfetta. La salvezza è merito di tutti”

Al "Pippi Specchia", le marcature di Erario e Pastorelli hanno deciso la contesa in favore dei biancostellati

mosca-giuseppe

Foto: G. Mosca (@M. Coribello)

Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno |

Ora la salvezza è matematica per la Pro Italia Galatina, dopo il 2-0 interno inflitto al Trani. Il tecnico Beppe Mosca è entusiasta: “È stata una prova di altissimo livello. Avevamo gli uomini contati e Sterlicchio è sceso in campo nonostante la morte del nonno. Lo stesso ha fatto Pastorelli che aveva la febbre alta. Tutti hanno dato il massimo sul piano dell’applicazione tattica, traducendo in pratica quanto avevamo studiato in settimana. Tutti si sono superati per abnegazione e determinazione. È stato un Galatina perfetto, che ha dominato il match, ha creato e non ha concesso nemmeno una occasione da gol alla fortissima prima linea del Trani”.

Mosca ripercorre l’annata biancostellata fin dall’inizio: “C’è stata una lunga attesa per sapere se avremmo disputato il campionato di Eccellenza, nel quale avevamo meritato il diritto di essere ripescati, o quello di Promozione. Questa situazione ci ha impedito di portare a termine il mercato estivo nella maniera nella quale avevamo pianificato ed i problemi si sono notati in tutta la prima fase della stagione. Poi, a dicembre, l’organico è stato rinforzato con ingaggi mirati e pian piano abbiamo costruito la nostra rimonta. Al momento di chiudere i conti e di compiere il balzo in avanti definitivo, però, siamo stati falcidiati dagli infortuni. Battendo il Trani, abbiamo scritto la parola fine al discorso permanenza. È stato premiato il lavoro di tutti”.

“Dedico la salvezza – aggiunge Mosca – ai miei figli Federico e Gianluca. Il primo è stato sottoposto ad un intervento chirurgico venerdì in quanto, giocando con la formazione juniores, si è procurato la frattura della clavicola. Il secondo ha festeggiato il suo compleanno sabato scorso. Ma un grazie va alla dirigenza, che mi ha dato fiducia anche quando le cose non giravano per il verso giusto, dimostrando di credere nel mio lavoro, ai calciatori, che mi hanno sempre seguito dando il massimo, ai tifosi, che mi hanno sostenuto senza criticarmi anche nel periodo buio e – conclude l’allenatore biancostellato – ai componenti del mio staff“.

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati