ECCELLENZA – Fasano, la Serie D è tua! Saluta il Novoli, festa Otranto. Gallipoli, playoff a rischio

I rossoblù di Schito, pareggiando in casa contro il Molfetta, retrocedono con un turno d'anticipo. I giallorossi di Villa costretti a vincere per non dipendere dal risultato di Bitonto-Corato

fasano-dibiase

Foto: ©R. Dibiase

Poteva essere la giornata più bella e lo è stata. La giornata della consacrazione, la giornata del titolo. La giornata della gioia, la giornata della festa. E ha festeggiato sì il Fasano: i brindisini sbancano il “Celestino Laserra” grazie alle reti, una per tempo, di Amato e Montaldi, e si aggiudicano il titolo proprio sul campo dell’unica squadra, capace fino all’ultimo, di tenere sulla corda i biancazzurri. L’Avetrana perde, ma la sconfitta non cambia di una virgola il senso e la portata di quanto fatto dai biancorossi nel corso di una stagione straordinaria, molto al di sopra delle aspettative, che ha regalato la matematica qualificazione ai playoff con ben due giornate di anticipo.

Terza competizione vinta da Giuseppe Laterza, da quando è al timone del Fasano. Il giovane tecnico ha confermato di essere uno dei migliori della categoria. Ennesimo successo per il presidente D’Amico, uno dei più vincenti della storia a strisce bianche e azzurre. E vediamo quali sono i numeri di questa cavalcata vincente: maggior numero di vittorie, sedici, al pari del Casarano, minor numero di sconfitte, tre, attacco più prolifico, cinquantacinque i gol messi a segno. Per una squadra che sorride, un’altra piange. Retrocede in Promozione il Novoli, che non riesce ad andare oltre lo 0-0 casalingo con il Molfetta e va a fare compagnia al Galatina. Le lunghezze di distanza dalla coppia che lo precede, formata da Aradeo e Bisceglie, sono sei, incolmabili, per sperare nei playout, quando manca solo una giornata.

E a proposito di playout, se ne giocherà solo uno: l’Otranto sbanca il comunale di Vieste e per la regola dei sette punti evita gli spareggi e può festeggiare la terza permanenza consecutiva nel massimo torneo regionale. Saranno Bisceglie e Aradeo a giocarsi la salvezza attraverso i playout, bisogna solo capire in casa di chi, perché, il 3-0 inflitto dai giallorossi ai baresi in questa penultima giornata ha consentito alla squadra di mister Nobile di appaiare in classifica la diretta rivale. E nel prossimo turno le due contendenti non avranno impegni impossibili: il Bisceglie riceverà il Barletta, l’Aradeo andrà a fare visita al Molfetta.

Più incerta la situazione in zona playoff, dove restano ancora in palio due posti, dopo che il Casarano si aggiudica lo scontro diretto in casa contro il Bitonto, grazie a una rete di Palma. Due posti per quattro squadre: restano in corsa l’Omnia Bitonto, che condanna il Gallipoli al secondo ko consecutivo e lo scavalca in classifica al terzo posto, il Gallipoli, il Bitonto e il Corato, impostosi di misura sul Trani. Con questa sconfitta la Vigor può dire definitivamente addio alla possibilità di conquistare un posto nei playoff. Gli uomini di mister Pizzulli, adesso, potranno concentrarsi totalmente sul ritorno della semifinale di Coppa Italia con l’Unipomezia. L’unica certa, almeno virtualmente, della qualificazione alla griglia degli spareggi è l’Omnia, che nel prossimo turno affronterà il baby Galatina. Più duri gli impegni di Gallipoli, che riceverà al “Bianco” l’Avetrana, decisa a difendere la seconda piazza, e di Bitonto e Corato, che si sfideranno al “Città degli Ulivi”.

Al “Vito Curlo” andrà in scena un interessante Fasano-Casarano, con i brindisini che vorranno congedarsi dal loro pubblico con una vittoria e le “Serpi” che vorranno contendere il secondo posto all’Avetrana. La difesa più solida del torneo resta quella del Casarano, con diciotto reti al passivo. Corato e Trani le formazioni che hanno pareggiato di più, dodici volte. Tutti i numeri negativi sono, naturalmente, appannaggio del Galatina.

Articoli Correlati